Attualità

PUA: una finestra sul territorio, con una Carta dei Servizi più “social”

CAMPI SALENTINA- Una finestra sul territorio. Questo l’ obiettivo dell’ Ambito sociale di zona che mira a creare una rete di intervento tra Amministrazione e cittadini attraverso una serie di servizi: il segretariato sociale, gli sportelli della Porta unica di accesso (Pua) e gli sportelli per l’ integrazione socio sanitaria per gli immigrati. La PUA farà ciò che fanno tutte le “porte”: mettere in comunicazione persone, ambienti, sistemi diversi. Ed è ciò che succederà anche nel Distretto di Campi Salentina, dove la Sanità potrà dialogare e lavorare in sintonia con le funzioni e i servizi più strettamente sociali offerte dall’Ambito di Zona.

Oltre  a Campi Salentina tali servizi risultano attivi anche a Carmiano, Guagnano, Novoli, Salice, Squinzano, Trepuzzi e Veglie. Ma attenzione perchè  non sarà solo possibile consultarsi presso gli sportelli. Per i cittadini arriva anche una Carta Servizi portata di click. Si tratta di percorsi e tecnologie innovativi e integrati che Asl Lecce, come ha ricordato il Direttore Generale Silvana Melli, «ha inserito in un disegno più ampio che riguarda da un lato l’evoluzione dell’Assistenza Domiciliare Integrata, dall’altro un’integrazione più forte con gli Ambiti di Zona».

Ma per il Primo Cittadino Egidio Zacheo ancora non basta. Va bene informare i cittadini sì ma -afferma-sarebbe anche il caso di dar loro servizi, potenziando la sanità locale. Pronta la replica del dg Asl Lecce Silvana Melli: “Non posso far miracoli, ma ci lavoreremo”.

 

Articoli correlati

Ballottaggio, incontro “segreto” con vertici Asl e dirigenti medici

Sergio Costa

Centrodestra: “Emiliano chiama alle armi i primari della Asl pro Salvemini”

Sergio Costa

A Brindisi premiati gli studenti con il premio “Honestas”

Andrea Contaldi

Incentivi e opportunità per le imprese, continuano i convegni informativi di Federaziende

Barbara Magnani

Arpal e Progetto Policoro a sostegno delle fasce più deboli

Andrea Contaldi

Parco Galateo, ieri e oggi: prato secco e paletti d’illuminazione divelti

Elisabetta Paladini