Attualità

Beni confiscati alle mafie, nel Salento 30 comuni coinvolti

LECCE – Sulle macerie della mafia nascono i progetti di destinazione sociale, una sorta di riscatto per le comunità coinvolte. Nella Camera di Commercio leccese in mattinata “gestione e valorizzazione dei beni confiscati alla mafia” è stato il tema di un convegno che ha coinvolto anche gli studenti salentini.

Ospiti il Prefetto Claudio Palomba, il Procuratore generale della Repubblica di Lecce Antonio Maruccia, l’Associazione “Libera” e la Sezione Antimafia sociale della Regione Puglia. Obiettivo stilare un resoconto del processo a livello nazionale e locale.

In provincia di Lecce i dati sono ancora in via di definizione, ad oggi 30 i comuni che risultano coinvolti , molti dei quali sono già all’opera in progetti di nuova destinazione degli immobili confiscati. Questi ultimi ammontano a circa 147 tra terreni e ville.

Parlarne agli studenti significa coinvolgere le nuove generazioni in un percorso di rinascita che assume grande valenza anche a livello morale.

Articoli correlati

A Spiaggiabella sospetti casi di Dengue

Redazione

Brindisi – Marciapiedi sconnessi e la gente finisce in ospedale….

Mimmo Consales

Un altro prestigioso incarico per Antonio Maruccia, Procuratore generale della Corte d’Appello di Lecce

Antonio Greco

Dal caso Gallipoli al brand Salento: il punto a Controvento

Redazione

Parcheggi, prenotazioni e appeal della città bella: oggi tavolo tecnico straordinario

Paolo Franza

Tutto pronto per la settima edizione di “Corti in tavola”

Redazione