Attentato incendiario a casa di un avvocato: “Non ho paura. Confido negli investigatori”

TORRE VADO- Esce da casa per accompagnare i figli a scuola e nota il cancello d’ingresso della sua villa annerito. Vittima dell’ intimidazione, l’avvocato Francesco Maggiore.

E’ accaduto sul lungomare di Torre Vado. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Stazione di Salve che da un primo sopralluogo hanno accertato l’utilizzo di liquido infiammabile, in questo caso gasolio, per appiccare l’incendio nella parte centrale del cancello, fatto in ferro e legno. Fortunatamente il fuoco si è spento quasi subito. Ora gli investigatori hanno  acquisito le immagini delle telecamere del sistema di videosorveglianza per risalire ai responsabili.

Solo due giorni fa il nome dell’avvocato è stato fatto dai media locali in riferimento ad un’altra vicenda, legata ad un processo  in cui il legale è parte lesa e che si è concluso con la condanna a 8 mesi del titolare di un ristorante, accusato di interferenza illecita nella vita privata del penalista per aver  puntato le telecamere di videosorveglianza verso l’ abitazione di quest’ultimo violandone la privacy. La battaglia legale ha avuto inizio alcuni anni fa, a seguito della denuncia presentata dall’avvocato Maggiore in cui segnalava la realizzazione di opere abusive. Lo stesso avvocato, nel dicembre del 2012, fu vittima di un’aggressione durante la quale qualcuno gli esplose contro sei colpi di pistola.

Le indagini sono in corso. “Queste intimidazioni non ci fanno paura -afferma l’avvocato Maggiore- Confido negli investigatori nella speranza che prima o poi tutto questo giunga ad una conclusione”.

E.P.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*