Sport

Lecce, passo da capolista

LECCE- Un passo avanti, un altro. La vittoria contro la Juve Stabia permette ai giallorossi di tenere una marcia promozione. Da quando Braglia si è accomodato sull apnchina giallorossa sono trascorse 13 giornate e il Lecce ha conquistato 28 punti. Un bottino che può vantare solo il Foggia di De Zerbi nello stesso arco di tempo mentre la capolista Casertana è in ritardo dalle due battistrada di un punto. E’ a quota 27. Sotto, di due gradini, segue il Benevento.
Papini e compagni hanno ritrovato il gusto della vittoria dopo due pareggi esterni che avevano creato qualche malumore.Sulla vittoria c’è anche la firma dell’ex difensore della Pro Vercelli. Che ha sfiorato anche la doppietta personale. Nel primo tempo aveva sbloccato il risultato Surraco. L’uruguaiano segna solo in quella porta. L’invito è arrivato, questa volta, da Doumbia; il francese è stato schierato dal primo minuto da Braglia.

Doumbia è stato preferito a Curiale, del quale non si è vista neanche l’ombra nella sfida di Andria. Così in settimana Doumbia ha convinto Braglia ed ecco il francese nel tridente, prima a sinistra e poi a destra. Il tecnico giallorosso ha promosso la prova della squadra che una settimana prima era stata nulla sul piano della proposizione. E’ cominciata, infine, l’ultima settimana di mercato. La priorità della società è sfoltire un po’ l’organico. Braglia afferma.  Intanto ha fatto esordire Sowe. L’attaccante ex Modena è entrato a venti minuti dalla fine cercando di bucare ancora la rete difensiva delle “vespe”, sua ex squadra.

La formazione leccese è attesa ora dalla trasferta sul campo della capolista Casertana in programma sabato alle ore 20,30. 

Articoli correlati

Nuoto, Pilato in forma olimpica. Certezze per i 100 rana

Francesco Friuli

Basket A2, HDL Nardò prepara la stagione delle novità. Smith ai saluti

Massimiliano Cassone

Brindisi FC: tutto tace ma si attendono novità

Massimiliano Cassone

Lecce, idee per l’attacco

Tonio De Giorgi

Nuoto, per la Pilato nuovo record italiano

Tonio De Giorgi

Lecce, continuità e ambizioni

Massimiliano Cassone