Cronaca

Discarica ex SASPI, la Procura invia i consulenti

LECCE  –   La ex discarica della SASPI conserva ancora rifiuti e veleni capaci di inquinare i terreni e la falda? Lo diranno i consulenti nominati dalla Procura di Lecce, il Chimico Sanna e il Geologo Carocci, che hanno effettuato nei primi giorni della settimana un sopralluogo sull’appezzamento di terreno attiguo all’ex inceneritore di Lecce, una vera e propria collina formata da circa 100.000 tonnellate di rifiuti, lì stoccati fin dagli anni ’70 e ’80.

In sostanza i consulenti nominati dai PM titolari del fascicolo, Ennio Cillo e Donatina Buffelli, devono accertare che grado di contaminazione vi sia in quell’area che appartiene ad un privato, e se oltre ai rifiuti vi siano state stoccate le ceneri derivanti dalla combustione dei rifiuti tal quali e, quindi, se sia necessaria una bonifica o per lo meno una messa in sicurezza, così come avvenuto per l’attiguo inceneritore, oggi di proprietà comunale.

A questo mirano gli ulteriori accertamenti disposti nella scorsa settimana, che si aggiungono al lavoro di documentazione già effettuato dal Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri.

Articoli correlati

Scontro tra auto, dopo un mese di agonia muore 60enne. La moglie spirò il giorno dopo

Redazione

Malore in acqua, muore 70enne brindisino

Redazione

13 enne violentata nel villaggio turistico? Indagini su un animatore

Mario Vecchio

Maltratta familiari per droga: arrestato 45enne

Redazione

Tragedia nella marina di Pulsano, 70enne muore sotto gli occhi dei bagnanti

Isabel Tramacere

Spaccio di droga: 14 arresti e 17 indagati

Andrea Contaldi