Cronaca

Aggressione in ospedale, tunisino in manette

NARDO’ (LE) – Ricoverato da 10 giorni nell’ospedale di Nardò, al momento delle dimissioni ha iniziato a minacciare due medici del reparto ed altro personale addetto alla sicurezza, brandendo una struttura in metallo normalmente utilizzata come sostegno per le flebo.

Protagonista un 44enne tunisino, Jaballa Mustapha, da qualche tempo presente sul territorio neretino  per svolgere lavori saltuari in agricoltura.

L’uomo è stato prontamente bloccato dal tempestivo intervento degli agenti di polizia, che non ha però sedato definitivamente l’animo dell’uomo.

Una volta, infatti, condotto in Commissariato per procedere alla sua regolare identificazione, si è scoperto che l’extracomunitario era destinatario di un decreto di espulsione emesso nel 2011. Alla notizia, il 44enne si è scagliato contro gli agenti, colpendo due di loro con calci e pugni.

Per lui sono così scattate le manette per resistenza e lesioni  a pubblico ufficiale.

Articoli correlati

Appalti nelle Asl: dopo la bufera di Brindisi, la Regione accentrerà le gare

Redazione

Furto sventato, caccia al commando

Redazione

Torre Canne, tragedia in mare: muore un uomo, forse un malore

Redazione

Tar Lecce, grazie mobilitazione territorio salvataggio a un passo

Redazione

Consiglio di Stato: Nessun limite d’età per i direttori sanitari

Redazione

L’alcol diventa lavatrice: svelata la frode, 9 gli arresti. In carcere una leccese

Redazione