Cronaca

Gelosa del capo, perseguita una collega: condannata

CAPO DI LEUCA – Per tre anni lei, 56enne del Capo di Leuca, avrebbe perseguitato una collega, 54enne della stessa zona. Il motivo: entrambe avrebbero preso una cotta per il proprio capo.

La vicenda, che affonda le radici nel 2019, nelle scorse ore è culminata in una condanna in primo grado per l’imputata ad un anno e mezzo di reclusione e 8mila euro di risarcimento danni. L’accusa: atti persecutori e danneggiamento aggravato. A decidere la giudice Annalisa De Benedictis.

La 56enne finita al banco degli imputati avrebbe vessato la collega con chiamate anonime giorno e notte durante le quali l’avrebbe insultata e minacciata. In due occasioni avrebbe imbrattato l’auto della vittima con vernice nera e poi il cancello della sua abitazione e le facciate delle case accanto. Alla “rivale” in amoree avrebbe spedito più volte anche delle lettere nelle quali la apostrofava come una poco di buono.

Il tutto è confluito in una denuncia che ha dato il La al processo, con la destinataria degli atti persecutori difesa dall’avvocato Mario Coppola che sarà risarcita per l’inferno vissuto per tre anni.

Articoli correlati

Bimba si smarrisce in spiaggia: ritrovata in tempo record dalla polizia

Redazione

Orto a base di cannabis: arrestato “pollice verde” montesanese

Redazione

In fiamme cassette di legno e plastica. Salvato un cavallo

Paolo Franza

Scontro tra auto, dopo un mese di agonia muore 60enne. La moglie spirò il giorno dopo

Redazione

Malore in acqua, muore 70enne brindisino

Redazione

13 enne violentata nel villaggio turistico? Indagini su un animatore

Mario Vecchio