CronacaEvidenza

Processo Antiracket: condannati Gualtieri, Gorgoni e Naccarelli. Assolto Monosi

Torniamo ad occuparci del processo nato dall’inchiesta sulla presunta truffa con fondi ministeriali messa in piedi dall’associazione “Antiracket Salento”
Nel maggio del 2017 le indagini condotte dalla guardia di finanza confluirono, lo ricordiamo, in arresti, sequestri e misure restrittive.
avevano messo in luce un presunto raggiro da quasi due milioni di euro. Soldi con i quali, stando ai capi d’accusa, l’Antiracket Salento avrebbe rendicontato «spese per personale e attività inesistenti, anche tramite l’emissione di fatture per operazioni mai avvenute». Al banco degli imputati, tra gli altri, la presidente dell’associazione Maria Antonietta Gualtieri, l’allora assessore comunale al Bilancio Attilio Monosi e anche alcuni funzionari di Palazzo Carafa. A vario titolo agli imputati sono contestate le accuse di associazione per delinquere, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, falso materiale e ideologico, concussione, corruzione, millantato credito e peculato.

La sentenza ieri. Ecco le principali condanne:

15 anni di reclusione per Maria Antonietta Gualtieri. 68enne, di Lecce, ex presidente dell’associazione Antiracket Salento, 8 anni e 3 mesi per Giuseppe Naccarelli, 54 anni, di Veglie ex funzionario del Comune di Lecce; 8 anni e 6 mesi per Pasquale Gorgoni, 68enne, di Lecce, anch’egli ex funzionario a Palazzo Carafa: sono le principali richieste di pena formulate dal pm Massimiliano Carducci al termine del processo in corso all’aula bunker del carcere di Borgo San Nicola dinanzi al Tribunale in composizione collegiale (presidente Cinzia Vergine); 2 anni ed 1 mesi all’avvocato Marco Fasiello, figlio di Maria Antonietta Gualtieri, (3 anni); 1 anno ed 1 mese a Francesco Lala, 43enne di Leverano, (3 anni e 6 mesi); 3 anni e 9 mesi a Giancarlo saracino; 1 anno e 1 mese a Biagio Solazzo; 1 anno e 7 mesi a Maurizio Vetere, (2 anni); 1 anno e 7 mesi a Paolo Rollo, 66 anni, di Lecce, (4 anni); 3 anni a Giovanni De Matteis.

 

È stato assolto invece l’ex assessore al Bilancio del Comune di Lecce, Attilio Monosi (rischiava una condanna a 4 anni). Difeso dall’avvocato Riccardo Giannuzzi, sono cadute nel merito le accuse di peculato, truffa e falso dopo una lunga vicissitudini giudiziaria a ridosso delle elezioni politiche del 2017.

Articoli correlati

34enne morta dopo il parto: 5 indagati per omicidio colposo

Redazione

Rischio crollo in Corte maternità e infanzia, i residenti: “abbiamo paura”

Redazione

E’ ai domiciliari ma continua a spacciare: nuovi guai per 28enne

Redazione

Maltempo, si contano i danni aziende florovivaistiche in ginocchio

Redazione

Molotov contro l’auto di un ingegnere

Redazione

Salento fa rima con cemento: i fari dell’Indiano sui villaggi

Redazione