Sanità

Insediato ufficialmente il nuovo Dg dell’Asl Brindisi

BRINDISI – Si è insediato formalmente Maurizio De Nuccio, il nuovo direttore generale della Asl Brindisi. Negli uffici di via Napoli, è avvenuto il passaggio di consegne con il commissario straordinario Giovanni Gorgoni. Maurizio De Nuccio, proveniente dalla Asl della Bat, dove era direttore dell’Area Gestione risorse economico-finanziarie, era stato designato dalla Giunta regionale come direttore generale della Asl brindisina il 3 agosto scorso, e nominato con atto ufficiale il 10 agosto. Il nuovo direttore è dunque, ora, nella pienezza delle sue funzioni. In attesa dell’insediamento effettivo, nei giorni scorsi aveva già incontrato il commissario Giovanni Gorgoni, il direttore amministrativo Andrea Chiari e il direttore sanitario Vito Campanile, ed era entrato in contatto con alcuni uffici per una prima raccolta di dati necessari all’avvio della fase operativa. “È arrivato il momento di ripartire con entusiasmo – ha dichiarato De Nuccio – e con l’auspicio di costruire e di ricostruire nei tempi più veloci. Ovviamente dobbiamo prendere contezza dei punti di forza della Asl Brindisi: ce ne sono tanti e li dobbiamo valorizzare. Ma ci sono anche tanti punti di debolezza sui quali dobbiamo lavorare nel più breve tempo possibile. E lo dimostra il fatto che questa settimana, che è la settimana più vacanziera, siamo qui tutti operativi. Cercheremo di realizzare in tempi rapidi i progetti più importanti per la collettività e in particolare per tutti gli abitanti della provincia di Brindisi”.

Subito dopo l’insediamento, il direttore generale ha visitato il Centro Grandi Ustionati dell’ospedale Perrino di Brindisi, accompagnato dal direttore del reparto Giuseppe Minunni. “In questa manciata di giorni intercorsi dalla nomina all’insediamento – ha commentato De Nuccio – mi è arrivata una segnalazione da parte di un cittadino relativa a una sua recente degenza in reparto. Pur sottolineando la competenza professionale degli operatori del Centro, ha evidenziato serie carenze strutturali sulle quali è necessario intervenire quanto prima. Per questo ho ritenuto opportuno, come primo atto concreto del mio mandato, a pochi minuti dall’insediamento ufficiale, verificare di persona la situazione per programmare un intervento immediato. Questa visita non è casuale: tra i nostri obiettivi c’è quello di potenziare il rapporto con gli utenti per rispondere a tutte le istanze del territorio”.

Articoli correlati

A rischio chiusura il punto nascita del “Santa Caterina Novella”

Paolo Franza

PTA di Nardò, ad un anno dall’ispezione risolte molte criticità

Mary Tota

Proclamato lo stato di agitazione contro l’Asl di Brindisi

Andrea Contaldi

Carenza di sangue, a risentire i pazienti talassemici: “Andate a donare”

Barbara Magnani

Crisi sanitaria nel Brindisino: l’appello della Fials

Andrea Contaldi

Allarme carenza medici, si corre ai ripari: 3 milioni per gli straordinari

Erica Fiore