Attualità

Scioglimento Comune di Squinzano, Tribunale: “Marra estraneo ai fatti e candidabile”

SQUINZANO – Incandidabilità dell’ex sindaco di Squinzano, Gianni Marra, a seguito dello scioglimento del Comune. Con una sentenza pubblicata nelle scorse ore il Collegio del Tribunale di Lecce ha rigettato il ricorso promosso nei confronti dell’ex primo cittadino dal Ministero dell’Interno, che è stato anche condannato a pagare le spese di lite. Marra, secondo i giudici è estraneo ai fatti e dunque candidabile alle prossime amministrative.

A difenderlo in giudizio è stato l’Avvocato Paolo Gaballo.

Particolarmente significativi sono alcuni passaggi della sentenza in cui si legge che “non è alla condotta del Marra che può attribuirsi la causa dello scioglimento del Comune di Squinzano”.

Il commento dell’ex sindaco: “ho sempre avuto fiducia nella magistratura – dice- ha oggi ha confermato la trasparenza e la legittimità della mia azione amministrativa, ritenendomi non responsabile dello scioglimento del consiglio comunale. Il provvedimento di scioglimento riguarda il consiglio comunale nella sua interezza, lo dice la stessa sentenza -continua – ringrazio chi ha sempre creduto nella mia onestà”.

Articoli correlati

Reati in mare, Puglia sempre peggio: seconda nell’amara classifica

Redazione

Conte: “Abbiamo vinto di nuovo per una voglia di continuità”

Redazione

Lotteria Italia: le novità dell’edizione 2022

Redazione

Neonata di 16 giorni sottoposta a terapia contro la Sma

Redazione

Manifestanti “anti tagli” a processo. Prof. Grasso: “difendevano diritti costituzionali”

Redazione

Bruciano ettari di macchia: Rauccio in fiamme

Redazione