Salento Security, il Tar conferma estraneità da contesti criminali

LECCE- La Prefettura di Lecce ha adottato informazione antimafia liberatoria nei confronti della Salento Security S.r.l. La società, impegnata nello svolgimento di attività di accoglienza e controllo in ambito sportivo, era stata attinta da provvedimento interdittivo antimafia adottato nell’aprile 2021, avendo ritenuto la Prefettura di Lecce che l’esplosione di un ordigno davanti alla sede della società potesse significare un tentativo di estorsione di cui la stessa Società sarebbe stata vittima.

La Salento Security s.r.l., assistita dal Prof. Avv. Saverio Sticchi Damiani insieme all’Avv. Francesco Spagnolo, si è da sempre dichiarata estranea a qualsiasi contatto con la criminalità locale e ha proposto ricorso al Tar, presentando volontariamente istanza di ammissione al controllo giudiziario per dimostrare la sua totale impermeabilità rispetto a qualsiasi attività criminale.

Trova conferma quanto già attestato dai Giudici della Prevenzione che, nel riabilitare la posizione della Società e disporre l’ammissione alla misura del controllo giudiziario, hanno pienamente condiviso quanto sostenuto dai difensori della società che hanno sempre sostenuto la condizione di vittima e non, al contrario di quanto originariamente affermato dalla Prefettura, di soggetto coinvolto nelle attività criminali. Per effetto del provvedimento liberatorio, la Salento Security S.r.l. potrà continuare a operare con le Pubbliche Amministrazioni, previa acquisizione della nuova licenza per le attività da espletare.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*