AttualitàCultura

“La rete che vorrei”, il libro di Ruben Razzante sulla dimensione digitale

La pandemia ha segnato una accelerazione dei processi di digitalizzazione delle attività di imprese e non solo. Il potenziamento dell’acesso alla rete, in particolare durante iul lockdown, ha reso la vitra reale e quella virtuale intrecciate ed indistinguibili. Si sono create nuove opportunità ma anche nuovi divari; c’è stata una overdose tecnologica che ha spazzato via vecchie abitudini, ma ha perto la strada anche ad abusi e dipendenze. Il testo del professor Ruben Razzante”La rete che vorrei”  che cerca di sciogliere alcuni nodi sulle questioni è stato presentato nelle scorse ore a Lecce, alla presenza, tra gli altri del Consigliere Regionale “La Puglia Domani” Paolo Pagliaro, il Presidente di Confindustria Brindisi, Gabriele Lippolis Menotti, il sociologo Luigi Spedicato, ed il giornalista Adelmo Gaetani

Rivolto a tutti coloro che puntano a vivere in maniera sempre più consapevole e respondabile la propria dimensione digitale, affronta temi come l’impatto della digitalizzazione sulla produzione e sulla distribuzione di beni e servizi; la tutela dei diritti degli individui e delle imprese nel web; l’integrazione multimediale , le politiche dei colossi della rete in difesa delle imprese e degli utenti; la qualità dei contenuti informativi; la patologia dell’ecosoistema mediatico e il funzionamento delle democrazie.

 

Articoli correlati

Premio Imprese & Talenti, 500 borse di studio per il master in marketing internazionale

Mariella Vitucci

Si è spento l’avvocato Roberto Marra. Il cordoglio di Telerama alla famiglia

Redazione

Voragine nel soffitto e crepe sul balcone, Arca Sud non risponde

Mario Vecchio

Puglia prima in Italia per la qualità del suo mare: il 99,7 per cento è eccellente

Barbara Magnani

Villaggio Marugi, condomini senza luce per 8 ore: disagi e diffide

Redazione

Formazione e tirocini internazionali, protocollo tra Its e rete degli ostelli

Barbara Magnani