Attualità

Galaxy of Happiness: un trimarano da sogno nel porticciolo turistico Marina di Brindisi

BRINDISI – Un’astronave nel porticciolo turistico Marina di Brindisi! Questo il commento di chi ha ammirato il trimarano a motore Galaxy of Happiness, con i suoi 54 metri di lunghezza. Un vero e proprio gigante del mare giunto a Brindisi nella tarda mattinata di giovedì. Un hotel galleggiante extralusso che è stato varato nel 2016 da Latitude Yachts e che per un periodo ha vantato un primato, quello di trimarano più grande del mondo. Pare fosse inizialmente diretto a Bari, ma alla fine, presa visione dei servizi offerti dal Marina, ha scelto di sostare nel porticciolo turistico brindisino il cui personale ha accolto con professionalità i membri dell’equipaggio.

Il trimarano, disegnato da Jean-Jacques Coste, è una delle barche a motore più iconiche nel mondo.

Può ospitare fino a 6 persone con 6 membri dell’equipaggio. Bocche cucite al porticciolo, ovviamente per rispetto della privacy, sull’identità dei fortunati che stanno godendo delle bellezze pugliesi a bordo dell’imbarcazione da sogno, di certo si sa che il Marina ha prenotato per i facoltosi ospiti una cena a base di pesce in un noto ristorante della zona e che gli ospiti prima di partire hanno acquistato grosse provviste di prodotti tipici locali. Che dire? La permanenza a Brindisi del Galaxy Happiness è certamente stata una bella sorpresa. L’auspicio è che Brindisi, il suo porticciolo e i suoi servizi lo siano stati anche per i graditi ospiti, circostanza che potrebbe trasformare un addio in un arrivederci!

 

M. Consales

Articoli correlati

Partono le iniziative del “Tavolo di coordinamento NOG7”

Andrea Contaldi

Il G7 come riscatto per il territorio

Andrea Contaldi

Eseguiti nei tempi previsti i lavori stradali per il G7

Andrea Contaldi

Via Gallucci poco sicura per i pedoni, dopo la denuncia spuntano nuove strisce

Redazione

Concessioni demaniali, la provocazione del Codacons: “Spiagge private gratis”

Redazione

Curare i tumori pediatrici con farmaci sperimentali: l’obiettivo del Policlinico di Bari

Mariella Vitucci