Delvecchio a Piazza Giallorossa: “a Vicenza per tornare a correre. Dalla Primavera grande attaccamento”

Ottica Salomi

LECCE (G. Serafino) – Dalla cantera alla prima squadra, con lo sguardo sempre proiettato verso il futuro. Dagli studi di Piazza Giallorossa, il Responsabile del settore giovanile dell’US Lecce Gennaro Delvecchio ha fatto il punto quando siamo nel rush finale di questa stagione. Delvecchio, ospite del principale salotto sportivo del Salento, ha analizzato a tutto tondo il momento che si vive in casa Lecce, con la prima squadra in piena lotta per la promozione diretta in Serie A e con la Primavera al comando della classifica del girone B del campionato Primavera 2.

REAGIRE ALLA SPAL – Focus però, immediatamente, sul momento della comitiva di mister Eugenio Corini, reduce dalla sconfitta contro la Spal e che ha interrotto bruscamente l’incredibile striscia di sei vittorie consecutive. Ma l’ambiente ha già voltato pagina e Delvecchio lo conferma.  “La sconfitta con la Spal -dice- può essere deleteria solo se si continua a pensarci troppo su. Loro avevano sicuramente la mente più sgombra della nostra. Non siamo stati brillantissimi. Ma mancano ancora cinque gare e da qui alla fine molto incideranno i singoli episodi. I ragazzi hanno già riflettuto sugli errori commessi e sono già proiettati alla gara di Vicenza dove dovremmo fare una grande partita. Il lavoro di quest’anno, ad ogni modo, resta incredibile, al netto di quello che sarà il risultato finale. Questa è una squadra che ha fatto grandi cose: sei successi di fila, undici risultati utili consecutivi e da qui alla fine saranno i dettagli a determinare il risultato finale.

GIOVANI AL TOP – Sui singoli Gennaro Delvecchio dice la sua, con un occhio di riguardo, manco a dirlo, sui giovani a disposizione di Corini. A partire da John Bjorkengren: “a me piace molto Bjorkengren perchè è sempre sul pezzo, sempre concentrato e nel vivo della partita. Interpreta molto bene entrambe le fasi ed è in assoluto tra i profili più interessanti di questo Lecce. Così come Hjulmand che ha margini di miglioramento notevoli. Anche Listkowski è un elemento importate. Abbiamo un centrocampo assortito sotto tutti i punti di vista: nel gruppo ci sono giocatori di assoluta esperienza ai quali si sono affiancati molti giorni dalle grandi qualità. E penso che tutti loro avranno un futuro importante“.

LA PRIMAVERA –  Ma per Delvecchio il vero motivo di orgoglio giunge naturalmente della Primavera. I baby giallorossi, guidati da mister Vito Grieco, coadiuvato anche da Ernesto Chevanton, sono primi in classifica in condominio con il Pescara (che però ha tre gare ancora da recuperare). Nell’ultima giornata, disputata sul sintetico del C.S. “Kick Off”, è arrivata la vittoria al fotofinish contro il Pisa, con il gol decisivo di Ancora giunto al 94esimo.

“Si sta facendo un buon lavoro e la cosa più importante è che siamo tra le squadre più giovani d’Italia. Giochiamo con 4-5 elementi sotto l’età media e fino ad ora è stato fatto un percorso interessante. I ragazzi giocano con grande senso di attaccamento alla maglia: contro il Pisa non abbiamo giocato benissimo, ma la loro voglia è encomiabile. Ora non dobbiamo accontentarci e dobbiamo essere bravi in queste ultime sei partite a fare quanti più punti possibili. Abbiamo potenzialmente 5-6 elementi che potrebbero presto affacciarsi alla prima squadra. Il progetto sta andando avanti grazie agli sforzi della società, del Presidente e del Direttore Corvino. Quest’anno c’è stato un investimento importante sul settore giovanile e i risultati stanno arrivando”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*