Attualità

“Il numero 1500 è intasato”, paziente oncologica ha febbre e tosse e vorrebbe il tampone o rassicurazioni

LECCE – Le abbiamo ovviamente subito chiesto se, oltre ad accusare i sintomi -tosse e febbre alta- sia rientrata dalle zone “rosse”, ossia dalla Cina o dalle regioni italiane considerate aree endemiche -Lombardia, Veneto, Emilia Romagna-. La risposta è no, ma non sa se sia entrata in contatto con qualcuno che, invece, è stato in quei posti di recente. Una donna leccese vorrebbe essere sottoposta al tampone per escludere il contagio da Coronavirus. Lo fa perché è una paziente oncologica di 61 anni. Ma denuncia: il numero verde 1500 è intasato e, da più di 24 ore, non riesce a parlare con nessuno.

Articoli correlati

“Follow me!” Il volontariato al tempo dei social

Andrea Contaldi

Punto d’incontro tra le aziende e la base logistica dell’Onu

Andrea Contaldi

Ex ospedale Poggiardo: Pagliaro: “Criticità irrisolte dopo 14 mesi da mia ispezione”

Redazione

Maturità 2024, oggi la prima prova: studenti soddisfatti

Elisabetta Paladini

Salento in bus: riparte il servizio

Antonio Greco

Lupiae Servizi, la dura replica di Pagliaro dopo l’attacco di Salvemini

Sergio Costa