Attualità

Natale, festeggiamenti vietati in una scuola di Brindisi

BRINDISI – Non ci saranno albero, presepe e alcun segno che richiami al Natale ed ai suoi festeggiamenti. Nessun momento di preghiera, nessun rito di natura religiosa. Accade quest’anno nell’istituto Casale di Brindisi, dove pare che la decisione sia stata presa per non discriminare i fedeli di altre religioni che frequentano la scuola. Sempre in percentuale crescente come accade d’altronde nel resto del paese. Non sembrano apprezzare i genitori dei ragazzi , a molti il divieto non sembra proprio andare giù. La diatriba si accende e diventa motivo di scontri. La libertà di professare una religione diversa è pienamente riconosciuta, ma non si può vietare di festeggiare il Natale in una scuola italiana. Le polemiche su quello che è simbolo della nostra cultura e delle nostre tradizioni la cui presenza non dovrebbe urtare nessuno arriva anche con un’interrogazione del commissario regionale di Forza Italia Mauro D’Attis al Ministro.

Articoli correlati

Valditara ai presidi pugliesi aggrediti: “Provvedimenti esemplari”

Redazione

Prete: il Molo di Adriano la nostra prima battaglia

Redazione

275, incontro a Roma: si punta alla gara entro fine anno

Redazione

Sfratto in via Pistoia, l’appello: “guadagno 500 euro e merito un tetto”

Redazione

Nella sanità brindisina 130 posti-letto in meno rispetto al Piano di riordino

Redazione

Emergenza Coronavirus –  Cuore Amico: continua e rilancia la raccolta e la distribuzione di generi alimentari 

Redazione