Politica

Regionali 2020, il Pd accetta e ci ripensa: slittano le primarie

BARI – Le primarie per la scelta del candidato presidente di Regione per le elezioni del 2020, non si terranno a novembre. Se ne riparla non prima di gennaio.

Il Partito Democratico pugliese dopo aver riunito l’ufficio politico prima e la segreteria poi, ha deciso di accettare la richiesta dei partiti di sinistra, uniti nel “quarto polo”, di celebrare le primarie non prima del nuovo anno. Dopo i segni di disgelo tra il governatore Emiliano e il segretario di Sinistra Italiana, Nico Bavaro, arrivati giorni fa durante il convegno dei Socialisti Italiani, arriva dunque l’atto ufficiale.

Spetterà nelle prossime ore al segretario del Pd Lacarra contattare personalmente Bavaro per firmare la pace effettiva e iniziare a pianificare, nei fatti, un percorso che possa portare i due schieramenti ad allearsi nelle prossime elezioni. Il Pd ha mandato un segnale anche ai Verdi, dichiarando la disponibilità a sostenere una modifica alla legge elettorale che comporti l’abbassamento della soglia di sbarramento.

Resta, ora, da capire quale sarà la posizione de La Giusta Causa di Michele Laforgia.

Articoli correlati

Lecce, Massa e Pagliaro: “No alla chiusura della Banca d’Italia”

Redazione

Presunto voto di scambio, Emiliano: ”Se qualcuno ha sbagliato pagherà”

Redazione

Il Pd verso le Primarie, la “federazione” attende Stefano ma lui: non parlo di Lecce, non c’è ragione

Redazione

FdL, inaugurazione tra le polemiche. De Vincenti: “Tap opera strategica” e i sindaci del Salento abbandonano la fiera

Redazione

Salve, decolla il Villanova bis: pronta la giunta

Redazione

Bat, Ruberti chiama a raccolta docenti e ricercatori per dare nuova vita all’ex manifattura

Redazione