Lele grave ma stazionario. Giuliano: “Resta con me”

LECCE – Restano gravi e stazionarie le condizioni di Emanuele Spedicato, Lele, il chitarrista dei Negramaro di 38 anni, colpito da una emorragia cerebrale e ricoverato da lunedì mattina nel reparto di Rianimazione del Vito Fazzi.

Sono ore di angoscia , apprensione e speranza per il mondo della musica che continua in queste ore a far sentire il suo enorme affetto, la sua vicinanza a Mr Lele, impegnato nell’assolo più importante della sua vita. Dopo il commovente messaggio lanciato su twitter dalla stessa band “pensate forte forte al nostro Lele! Fortissimo”, in nottata il frontman dei Negramaro, Giuliano Sangiorgi, giunto da Roma poco dopo l’accaduto, per rimanere vicino all’amico, ha postato sui social una foto che li ritrae insieme sul palco, abbracciati e ha scritto: “ Resta qui con me, fratello mio!”, migliaia i commenti ed i messaggi per il carismatico musicista salentino che fa parte del gruppo fin dalla sua nascita.

Emanuele Spedicato si è sentito male mentre era in casa, ha avvertito un forte mal di testa , è stata la moglie Clie Evans, che sta per renderlo padre, a chiamare i soccorsi, in ambulanza avrebbe erso conoscenza.

Scosso il Salento che tanto ama la band, scossi i componenti del gruppo che si alternano al Fazzi in attesa che la situazione si evolva.

Non solo i big della musica: da Jovanotti alla Mannoia, a Paola Turci, Alessandra Amoroso, Emma Marrone, Ermal Meta, Francesco Facchinetti, Fiorello, ma anche tanta gente comune che segue la band da sempre e la politica salentina. Dsa parte di tantissimi un tweet, un pensiero con l’hastag #forzalele per quel ragazzo rimasto umile nonostante lo straordinario successo del gruppo.

BOLLETTINO MEDICO ASL ORE 15.30: Emanuele Spedicato ha trascorso una notte tranquilla. Il personale sanitario della Rianimazione dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce sta seguendo costantemente l’evolversi del quadro clinico, con l’ausilio di strumenti diagnostici che consentono una puntuale e approfondita valutazione. Le condizioni di salute del paziente sono attualmente stazionarie e i parametri vitali risultano buoni. La prognosi, in ogni caso, resta riservata.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*