Cronaca

Appropriazione indebita? Assoluzione per due funzionari della Unicredit

LECCE- Assolti perché il fatto non sussiste Michele Invidia, 52enne leccese e Maria Michel Bruno Favre, 62 anni di Milano, rispettivamente direttore all’epoca dei fatti della filiale leccese della banca Unicredit Spa( ex Banca di Roma)  e legale rappresentante della Cnp Unicredit Vita Spa con sede a Milano. I due erano accusati di appropriazione indebita in concorso con “abuso di prestazione d’opera” delle somme  contenute nei contratti di polizza sottoscritti da una studentessa  leccese nel novembre 2007 e nel gennaio 2008 . Contratti scaduti nel 2014 e per le cui somme la donna aveva chiesto la restituzione. L’assoluzione piena è arrivata nelle scorse ore dal giudice Sergio Tosi dinanzi al quale si è svolto il processo. Michele Invidia è difeso dagli avvocati Amilcare Tana e Salvatore Corrado, Maria Michel Bruno Favre dall’avvocato Paolo Della Sala. I legali hanno dimostrato la correttezza dell’operato dei loro assistiti dal momento che la banca restituì il denaro nel momento in cui venne tolto il vincolo a garanzia dell’Istituto di credito.  La parte offesa è rappresentata dall’avvocato Paolo Spalluto.

Le indagini erano state coordinate dal pm Elsa Valeria Mignone e condotte dai finanzieri della polizia giudiziaria.  Il processo penale si è svolto davanti davanti al giudice della Prima Sezione.

Articoli correlati

Distretto sanitario neretino senza medici e infermieri: “allarme inascoltato da anni”

Redazione

Gallipoli, una maxi rissa tra giovani culmina in accoltellamento: feriti due ventenni

Redazione

Colpito dal tronco di un albero muore un operaio dell’Arif mentre spegne un rogo

Redazione

Schianto fatale, muore una donna di 80 anni

Redazione

Malore in piscina, 13enne muore dopo 8 giorni di coma

Redazione

Uragano ai Caraibi, morto un operaio salentino

Isabel Tramacere