Caos graduatorie, Snals: poca trasparenza e rettifiche quotidiane. Docenti in trincea

LECCE – Docenti salentini in trincea: la battaglia, dopo la pubblicazione delle graduatorie definitive continua, i giochi sono ancora aperti. Per la Segretaria provinciale del sindacato Snals di Lecce Maria Rosaria Valentino i problemi sono tanti, “tutti riconducibili ad una mancata trasparenza nelle pubblicazioni e ad alcune novità poco chiare che si sono rivelate lesive. Il ricongiungimento con il genitore ad esempio quest’anno prevede una clausula in più sull’ipotesi di contratto: il docente a farne richiesta deve dimostrare di convivere con il familiare che necessita del suo sostegno”. Un dettaglio non da poco al quale si aggiunge un’aggravante: alcuni ricorsi sono stati accolti in tal senso, altri no.

C’è poi chi sgomita per capirne di più sulla sede che gli risulta assegnata, molto spesso non in linea con la richiesta avanazata in base alle necessità. “Questione di punteggi -spiega la Segretaria provinciale Snals- gli errori a volte ci sono, nella maggior parte dei casi però i docenti pretendono giustamente di conoscere i criteri di assegnazione della cattedra, non reperibili all’interno delle graduatorie pubblicate“.

Dunque a fronte della dicitura “definitive”, per le assegnazioni ancora “work in progress”. L’appello ai docenti è quello di continuare a segnalare gli eventuali torti subiti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*