Lecce e Alessandria si annullano. Al Moccagatta sfida decisiva

LECCE – (di Tonio De Giorgi) Il tecnico del Lecce Roberto Rizzo sorride, in sala stampa, quando gli si fa notare che il suo Lecce, finora, ha solo pareggiato. I risultati gli appiccicano l’etichetta di Mister X di una squadra che ha sempre accarezzato la vittoria, prima in campionato e dopo, in questi play off. Il Lecce ha dimostrato di meritare la vittoria senza mai, però, ottenerla realmente. Né vittoria, né sconfitta, per dirla tutta. Ora, però, serve il successo per approdare alla semifinale di Firenze. Domenica prossima un vincitore ci sarà: al novantesimo, ai tempi supplementari oppure ai calci di rigore. Una resterà dentro, l’altra abbandonerà la scena. Nella partita di andata al Via del Mare il Lecce ha fatto di più, l’Alessandria invece è stata più cinica: i tiri nello specchio si contano sulle dita di una mano, ma uno è finito in porta, quello del momentaneo vantaggio, che non ha spaventato un Lecce abile a riprendere il filo del gioco, non fluido ad essere sinceri. Però la partita ha steso sul manto verde del Via del Mare quella trama che gli addetti ai lavori avevano immaginato: una partita fisica con particolare attenzione alle fonti di gioco delle due squadre. sulla sponda leccese Cazzola ha seguito anche l’ombra di Mancosu mentre sul fronte giallorosso si è cercato di azzerare I rifornimenti per Bocalon e Gonzalez. Il tecnico giallorosso Rizzo dopo aver trovato il pareggio ha cercato di rinvigorire l’attacco con gli innesti di Torromino e Marconi subentrati a Pacilli e Caturano, lasciando in campo un Doumbia ormai fiaccato da quell’ostinata ricerca del francese poco incisivo se non riesce poi a creare superiorità numerica o produrre guizzi interessanti. Il tecnico giallorosso Rizzo presenta in difesa Giosa mentre in attacco preferisce Doumbia a Torromino. L’Alessandria allenata da Pillon con la coppia d’attacco Bocalon-Gonzalez, quaranta gol in due.  La cronaca – Al 3’ prima occasione per il Lecce con Doumbia che approfitta di una indecisione difensiva degli ospiti, ma calcia sull’esterno della rete. Al 13’ attacco dell’Alessandria con un cross da sinistra e tiro al volo di Marras che sorvola la traversa. Al 18′ il pallone danza al limite dell’area, Pacilli in acrobazia cerca la porta senza trovarla. Al 24′ una girata alta di Costa Ferreira. Al 27′ calcio di punizione in  favore del Lecce, il pallone spizzato in area da Cosenza non viene raccolto da alcun compagno. Un minuto dopo Ciancio in sovrapposizione riceve da Doumbia, pallone interessante in area, ma che non trova un destinatario. Al 29′ al primo tiro in porta l’Alessandria passa in vantaggio: pallone proveniente da sinistra, Perucchini si oppone ad un primo tentativo da distanza ravvicinata di Bocalon, ma nulla può sul sinistro di Marras che porta in vantaggio i grigi, 0-1. La prima frazione di gioco si chiude con la formazione di Pillon in vantaggio. Dopo l’intervallo il Lecce pareggia: è il 7′ quando da un tiro dalla distanza di Costa Ferreira nasce il corner che crea un’azione concitata in area risolta con il destro vincente di Pacilli, 1-1. A nulla servono nel corso del secondo tempo le mosse dei due tecnici. Il risultato resta inchiodato sul pari; un punteggio che domenica prossima al Moccagatta non servirà a decretare la squadra che si qualificherà alla semifinale. Servirà di più, ci sarà bisogno dei gol e di una vittoria. Anche ai rigori.

LECCE-ALESSANDRIA 1-1

rete: 29’pt Marras (A); 7’st Pacilli

 

LECCE

Perucchini; Lepore, Cosenza, Giosa, Ciancio, Costa Ferreira, Arrigoni (39’st Fiordilino), Mancosu;  Pacilli (30’st Torromino), Caturano (32’st Marconi), Doumbia

In panchina: Bleve, Chironi, Vitofrancesco, Agostinone,   Tsonev, Drudi, Monaco, Maimone

 

All. R. Rizzo

ALESSANDRIA

Vannucchi; Celjak, Sosa, Gozzi, Manfrin; Marras (40’st Sestu), Cazzola, Branca, Nicco; Bocalon (27’st Evacuo), Gonzalez (45’st Fischnaller)

In panchina: La Gorga, Mezavilla, Piana, Rosso, Iocolano, Piccolo,  Barlocco, Nava

All. Pillon

Arbitro: Paolini di Ascoli Piceno

Note: ammoniti Manfrin, Cazzola. Calci d’angolo: 8-2 per il Lecce. Recupero: pt 1′; st 4′. Totale spettatori: 13.680 per un incasso di euro 142.882,50

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*