Brescia-Lecce 3-0: serata da dimenticare per i giallorossi

Ottica Salomi

BRESCIA – Per la terza giornata del campionato di serie B al Rigamonti arriva il Lecce dell’ex Corini e ne esce con tre gol al passivo e con la consapevolezza che bisogna lavorare tanto per migliorare. 

Una doppietta di Ndoj, al 9° e al 67° e un gol di Ayè al 90° permettono alla squadra di Lopez di mettere tre punti in saccoccia.

C’è da segnalare, sull’uno a zero per il Brescia, un gol annullato a Meccariello ma la posizione era regolare. Questo però non può essere un alibi perché le rondinelle meritano ampiamente la vittoria.

I salentini si rendono poche volte pericolosi: la loro trama è confusa e confusionaria, seppur producano una buona mole di gioco mancano però nella conclusione finale. 

Il Brescia dunque raggiunge a quota 4 punti in classifica il Lecce.

E proprio dopo 4 minuti di recupero Lopez può festeggiare il suo esordio, anzi il suo ritorno.

Serata da dimenticare per i giallorossi.

PRIMO TEMPO – Diego Lopez schiera Joronen in porta; Sabelli, Papetti, Mangraviti e Martella in difesa; Ndoj e Dessena ai lati di Van de Looi in mezzo al campo; Spalek dietro le punte Donnarumma e Ayè.

Eugenio Corini risponde con Gabriel tra i pali, Zuta a destra, Lucioni e Meccariello centrali, Calderoni a sinistra, a centrocampo esordio di Bjorkengren con Majer e Henderson, in avanti Falco, Stepinski e Listkowski.

Arbitra il sig. Antonio Di Martino di Teramo

Primi minuti di studio, squadre ben messe in campo, grande densità in mezzo al campo.

Al primo vero tentativo il Brescia passa in vantaggio: al 9° Ayè sguscia via mette la sfera in mezzo per Ndoj che la deposita col piatto destro in porta.

Passa appena un minuto e Majer prova da fuori, il Lecce reagisce subito anche se non fa centro.

Al 18° tiro cross di Henderson con Joronen che controlla e sfera che termina fuori.

Al 19° giallo per Spalek per un fallo su Henderson.

Al 36° buona azione del Lecce: tiro di Falco, sfera in angolo; sugli sviluppi libera il Brescia.

Al 42° Calderoni viaggia a sinistra servito da Falco, cede la palla a Listkowki che prova il tiro a giro ma la sfera termina alta.

Il Lecce chiude in avanti ma non trova il gol e al 45° esatto tutti negli spogliatoi.

SECONDO TEMPO – Nessun cambio all’inizio delle seconda frazione; i padroni di casa partono in avanti ed il Lecce cerca di ripartire.

Al 51° Gabriel esce per allontanare la sfera messa in mezzo per Ayè da Martella.

Al 52° primo cambio per il Lecce: fuori Bjorkengren dentro Paganini.

Al 54° Martella salta con il braccio largo e colpisce Zuta: giallo per lui e punizione per il Lecce.

Batte Falco, arriva Calderoni, calcia, palla in angolo e sugli sviluppi Meccariello la mette dentro ma il gol è annullato per fuorigioco: errore grossolano, il gol era regolare.

Al 57° giallo per Calderoni per fallo su Sabelli.

Al 62° azione del Brescia, Ayè ruba palla a Lucioni, sugli sviluppi Spalek la mette dentro ma è annullato per fuorigioco.

Al 66° Dessena calcia

al 67° dentro Coda fuori Stepinski: secondo cambio del Lecce.

Passano pochi secondi e arriva il raddoppio del Brescia ed è ancora Ndoj che servito da Donnarumma batte Gabriel.

Van de Looi al 70° abbatte Falco: giallo per lui e punizione per il Lecce.

Batte Falco e impegna severamente Joronen che si salva in corner.

Al 73° cambio nel Brescia: fuori Spalek dentro Skrabb.

Al 75° terzo cambio nel Lecce: esce Listkowski entra Pettinari.

Gli attacchi del Lecce sono confusi e mai pungenti.

Al 79° cambio nel Brescia: esce l’autore della doppietta Ndoj ed entra Lobojko.

Al minuto 80 percussione di Pettinari che prova dai 20 metri ma Joronen controlla.

Al minuto 84 Meccariello rischia un autogol clamoroso ma Gabriel ci mette una pezza.

All’87° Gabriel si salva su Donnarumma.

Al minuto 88 cambio per i padroni di casa: fuori Donnarumma dentro Zmrhal.

La lavagnetta segnala 4 minuti di recupero ma la partita ormai ha preso la sua direzione e c’è solo il tempo per il tris del Brescia che al 90° con Ayè, servito proprio da Zmrhal.

IL TABELLINO

BRESCIA-LECCE 3-0

BRESCIA (4-3-1-2): Joronen; Sabelli, Papetti, Mangraviti, Martella; Ndoj (79° Lobojko), Van de Looi, Dessena; Spalek (73° Skrabb), Donnarumma (88° Zmrhal), Ayè. A disposizione: Kotnik, Mateju, Chancellor, Semprini. Allenatore D. Lopez

LECCE (4-3-3): Gabriel; Zuta, Lucioni, Meccariello, Calderoni; Henderson, Majer, Bjorkengren (52° Paganini); Falco, Stepinski (67° Coda), Listkowski (75° Pettinari). A Disposizione: Bleve, Vigorito, Rossettini, Monterisi, Dermaku, Gallo, Lo Faso, Maselli, Felici. Allenatore: E. Corini

ARBITRO: sig. Antonio Di Martino di Teramo

ASSISTENTI: sig. Damiano Margani di Latina e sig. Giuseppe Macaddino di Pesaro; IV uomo sig. Matteo Gariglio di Pinerolo.

MARCATORI: 9° – 67° Ndoj (B), 90° Ayè (B)

AMMONITI: 19° Spalek (B), 54° Martella (B), 57° Calderoni (L), 70° Van de Looi

 

M.C.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*