Martano, poliambulatorio privo di certificazioni antincendio. Asl: “adeguamento in corso”

MARTANO – La Asl Lecce è al lavoro per rendere la nuova ala del Poliambulatorio di Martano completamente in linea con quanto richiesto dalla normativa. È la precisazione dell’azienda sanitaria al margine del servizio-denuncia sull’assenza delle autorizzazioni in materia di prevenzione degli incendi.

La domanda inoltrata dalla Asl ai Vigili del Fuoco infatti risulta respinta quasi 9 mesi fa, lo scorso 25 luglio, come “irricevibile” e, pertanto, priva di efficacia. Per ogni plesso, infatti, i caschi rossi hanno sollevato una serie di eccezioni. A darne notizia al margine di un sopralluogo è stata Veronica Giannone, portavoce alla Camera dei Deputati del Movimento 5 Stelle.

“La certificazione antincendio, escluso il piano seminterrato -fa sapere la Asl- è stata presentata al Comando provinciale dei vigili del Fuoco ancor prima della certificazione di agibilità e, proprio in questi giorni, si è provveduto a depositare un adeguamento relativo all’apertura del piano seminterrato e del Centro Dialisi. Il procedimento si perfezionerà nei prossimi giorni.

Pertanto, sotto il profilo della certificazione antincendio e dunque della conseguente agibilità, sulla scorta della documentazione disponibile, la Direzione Generale ASL Lecce che le attività sanitarie espletate nella nuova struttura poliambulatoriale di Martano si svolgano legittimamente, non avendo ricevuto in tal senso disposizioni contrarie dalle competenti autorità. Nell’immediato saranno posizionate porte taglia-fuoco che assicureranno la completa compartimentazione tra vecchia e nuova struttura, per cui le due strutture potranno avere vita autonoma ai fini della certificazione antincendio, poiché è fatto noto che il vecchio poliambulatorio è privo di certificazioni antincendio e antisismica”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*