Settelacquare, ora i box della vergogna sono casa di senzatetto e tossicodipendenti

LECCE – I box della vergogna, quelli abbandonati da anni, mai utilizzati come stalli per il nuovo mercato di Settelacquare. Sono 48 postazioni, costate un milione di Euro di soldi pubblici, che si trovano in “Piazzale Vittime del terrorismo”, a Lecce.

Ad un primo bando per l’assegnazione che andò praticamente deserto, con solo quattro domande pervenute, ne seguì un secondo secondo, per il quale ci fu una pioggia di domande. Al momento è tutto fermo. Anzi, qualcosa, o meglio qualcuno si muove. Sono i senzatetto e i tossicodipendenti che hanno fatto di questi box la loro casa. La struttura l’abbiamo spesso mostrata, negli ultimi anni, in diversi servizi tg.

Sono diventati ritrovo di ubriachi, tossicodipendenti, ma anche di incivili: all’interno siringhe, feci e anche macchie di sangue, oltre a rifiuti di ogni genere.

E adesso un telespettatore ci ha segnalato la presenza di mobilia e vestiario, a dimostrazione del fatto che qualcuno li ha occupati più o meno stabilmente.

Ma in queste piccole gabbie di cemento e vetro non c’è neanche l’allaccio dell’acqua, non è dignitoso né igienico “alloggiare” qui.

Eppure, a febbraio, sembrava arrivato il momento di riqualificare la zona, tirare le postazioni a lucido ed ospitare i commercianti. Per l’assegnazione degli stalli si dovrebbe dare la precedenza agli operatori di Piazza Libertini, come fu promesso quando furono realizzati.

Al momento è terra di nessuno, a due passi dal mercato ortofrutticolo della città.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*