Picchia l’ex e le incendia la casa: arrestato

Stalking , lesioni e danneggiamento sono le accuse per un 55enne di Monteiasi. L' uomo ha preso a calci e pugni la sua ex e dopo le ha incendiato l'appartamento.

violenza-sulle-donne

MONTEIASI- Ha nascosto, per paura, le peggiori violenze. Ma alla fine, dopo l’ennesimo episodio, si è decisa a vuotare il sacco e a denunciare, finalmente, il suo aguzzino. Stalking, lesioni aggravate, incendio e danneggiamento sono le accuse che hanno fatto finire in carcere un 55enne di Monteiasi.

La vittima: la sua ex. La donna, 50enne, nonostante le continue le violenze fisiche e psicologiche, le ingiurie, le minacce, le richieste di denaro, da parte dell’uomo che per giunta aveva iniziato ad abusare di alcol, ha sempre scelto di mantenere il silenzio. Nel pomeriggio poi, lo stalker dopo aver fissato con l’inganno un appuntamento con la donna, e dopo l’ennesima lite, l’ha presa a calci e pugni, provocandole un trauma cranico, varie tumefazioni e contusioni in viso e in altre parti del corpo. Lesioni per la quale i medici hanno diagnosticato la prognosi di un mese.

Dopo, non contento il 55enne ha dato fuoco all’abitazione dell’ex. E ancora, ha danneggiato l’auto della donna e pure della sorella della vittima. I carabinieri di Grottaglie sono venuti a conoscenza della situazione drammatica, solo dopo l’intervento, insieme a quello dei vvff, per l’incendio. Quando i militari hanno visto la donna, hanno capito tutto: i segni in volto non avevano bisogno di troppe spiegazioni. La vittima cosi ha raccontato tutto di quella storia iniziata negli anni ’90, finita pochi mesi mesi. Una rottura non accettata da lui, la cui gelosia e possessività sono sfociate nella violenza. L’uomo è stato arrestato. Ed ora è in carcere a disposizione del pm Remo Epifani. Il caso però non è chiuso.

Sono in corso accertamenti per riscontrare numerosi episodi descritti dalla donna, uno dei quali riguarderebbe perfino l’uso di una pistola, con l esplosione di colpi d’arma da fuoco in aria, gesto col quale la donna sarebbe stata ulteriormente minacciata dopo l’aggressione.