Pd, un segretario provinciale scelto solo dai tesserati e spunta il nome di Durante

Il segretario provinciale del Pd sarà votato con un congresso chiuso, potranno partecipare solo i tesserati. Intanto, tra i possibili candidati spunta il nome di Cosimo Durante.

cosimo durante

LECCE– In queste ore i democratici stanno cercando di darsi delle regole per i congressi che partiranno nei prossimi mesi: c’è già la polemica sulla data del congresso nazionale dell’8 dicembre, per i renziani troppo lontana. Un punto d’incontro con Renzi, però, è stato trovato: a livello nazionale, saranno primarie aperte, non limitate ai soli tesserati. Non sarà adottato lo stesso criterio per la selezione dei segretari provinciali: “una strana dissonanza” che a molti non piace. I renziani in tutta la Regione Puglia avevano proposto di aprire  a tutti anche nelle primarie per le elezioni dei singoli circoli.

Non è possibile biasimare i seguaci del sindaco di Firenze, visto che in provincia di Lecce i democratici non raggiungono le 4 mila tessere, mentre a Lecce superano di poco le 300. Dunque in provincia primarie chiuse, con un solo candidato ufficiale per il momento: si tratta di  Salvatore Piconese, sindaco di Uggiano, supportato da molti amministratori locali, ma anche dal dalemiano Fritz Massa e da Sandra Antonica. Poi, ci sono i candidati non ufficiali (la loro candidatura è data per scontata, salvo colpi di scena): si tratta del renziano Paolo Foresio, appoggiato da due big del calibro di Rotundo e Maniglio, e Alfonso Rampino, supportato da vari amministratori comunali e segretari di circolo.

Ma nelle ultime ore sono spuntati due nuovi nomi di big del partito provinciale. In campo ci sarebbero Remigio Venuti, ex sindaco di Casarano, supportato da Sandro Frisullo e Umberto Uccella, e anche Cosimo Durante. “Insomma, i nomi di sempre pronti per una sfida per pochi tesserati”, commenta l’ala renziana del partito democratico salentino.