Accorpamento Province, doppio round tra Brindisi e Bari

BRINDISI – Non più uno, ma ben due momenti di condivisione di proposte, mal di pancia e si spera, qualche idea realmente funzionale. Il procedimento che porterà all’accorpamento della Provincia di Brindisi a quella di Taranto vivrà, la prossima settima, una sorta di crocevia.

Il dibattito, rimasto silente nelle settimane successive al decreto legge del 6 luglio, si è improvvisamente infiammato a colpi di comunicati stampa e accuse circa l’immobilismo della politica. Il Presidente brindisino Ferrarese ha smosso le acque. Sindaci e consiglieri regionali sono stati convocati, martedì mattina, presso gli uffici dell’ente per un incontro – dibattito sul futuro del territorio.

Fermo restando l’impossibilità di scegliere da quale parte stare (fronte jonico-messapico o leccese), la preoccupazione di Ferrarese è quella di perdere, oltre al prefisso ‘capoluogo’ anche le sedi istituzionali e i servizi ai cittadini.

“Dobbiamo tamponare le ferite mortali causate dai parlamentari brindisini che hanno votato la legge ‘taglia-Province’. Ora – dice Ferrarese – tenteremo di non perdere altre possibilità e soprattutto, di non perdere a cascata, altre importanti attività o istituzioni”.

Il rischio, insomma, è quello di ritrovarsi, tra qualche mese, a piangere ulteriori tagli. Nello specifico, Prefetture, Comandi, servizi, palazzi di giustizia. E dopo le accuse dei giorni scorsi, Ferrarese rifugge le polemiche e chiede il coinvolgimento di tutte le parti.

“Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti i Sindaci e di tutti i nostri consiglieri regionali, conclude il Presidente”. Mercoledì, invece, gli ospiti della Provincia si ritorveranno a Bari, presso gli uffici dell’Assessorato agli enti locali. L’Assessore regionale Marina Dentamaro ha convocato i rappresentanti delle amministrazioni locali per discutere dell’accorpamento. Nella seduta, probabilmente, emergeranno anche i piani dei Comuni della Valle D’Itria, anche loro rimasti invischiati nella discussione, evidentemente futile, sulla scelta della provincia di appartenenza. Bari o Brindisi-Taranto? Domanda destinata a restare senza risposta. Le alternative sono probabilmente ben altre.

 
Abitare Pesolino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*