Sport

Sala, Prisma Taranto, sms ai tifosi: “voi sarete il settimo uomo in campo”

TARANTO – “per ora sta andando tutto bene, con il coach Mastrangelo stiamo lavorando tanto, anche in sala pesi, stiamo iniziando a trovare il nostro ritmo e un po’ di intesa”.

Si presenta con queste parole il giovane talento Lorenzo Sala, classe 2002, opposto arrivato a Taranto nell’ultima sessione di mercato. Ed è pronto a questa nuova avventura in Superlega di volley maschile.

Lorenzo figlio d’arte dell’ex centrale di Modena Andrea, si è subito innamorato di Taranto:

Taranto è una città molto accogliente grazie ai suoi abitanti, con la mia compagna ci stiamo trovando bene fin da subito, il mare è stupendo e quando abbiamo un momento libero approfittiamo di questa eccellenza”.

È molto ambizioso ma ha anche l’umiltà e la grinta per lavorare con il massimo impegno per raggiungere ambiziosi traguardi:

Adesso massima energia, ho avuto qualche settimana di stop prima di arrivare qua e sono venuto con l’intenzione di fare molto bene, di fare un grande campionato, di non deludere i tifosi, e sicuramente sarà una grande stagione e vedremo”.

Infine pensa ai tifosi, al calore che vorrebbe vedere al PalaMazzola in modo che il pubblico diventi l’uomo in più capace di pigiare sull’acceleratore delle emozioni:

Io vengo da un palazzetto è sempre stato molto pieno è stato sempre il settimo uomo, dunque quello che posso dire ai tifosi è che quando c’è tanta gente si sente il calore e non vediamo l’ora di vedervi con voi ci sarà il settimo uomo in campo, avremo la spinta in più e potremo fare solo bene”.

Articoli correlati

Il Lecce torna ad allenarsi dopo la mattina di riposo concessa da Gotti

Mario Vecchio

Lecce, il portiere Viola ceduto al Team Altamura

Tonio De Giorgi

Manca solo l’ufficialità: Pongracic ha svolto le visite mediche con la Fiorentina

Massimiliano Cassone

A.C. Nardò ecco Calderoni e Amil

Redazione

Ufficiale: Venuti alla Samp, Delle Monache al Lecce

Redazione

La Virtus Francavilla ha ingaggiato il giovane portiere Matteo Bertini

Redazione