Uccide la ex a colpi di fucile e poi si toglie la vita: dramma a Villa Castelli

scrittore

VILLA CASTELLI (BR) – Una donna di 47 anni, Giuseppina Fumarola, è stata uccisa a colpi di fucile da caccia questa mattina a Villa Castelli (Brindisi) dal suo ex compagno, Vito Sussa, che poi si è suicidato impiccandosi nel garage della propria abitazione.

Un agguato in piena regola quello che Sussa, con cui Giuseppina aveva da poco troncato, le ha teso su via Galilei, alle porte dall’azienda tessile in cui la donna lavorava e che, come ogni mattina, anche oggi aveva raggiunto intorno alle sette.

Almeno un paio i colpi partiti dal fucile che l’uomo ha impugnato per freddarla nell’area parcheggio. Altri tre fucili e una pistola sarebbero poi stati trovati in casa di Sussa, nella vicinissima via Volta, setacciata dai carabinieri subito dopo il suo suicidio.

Libero professionista nel settore edile, il vicinato racconta di lui coma di un uomo solitario, apparentemente tranquillo. Di Giuseppina, mamma di due figli di 26 e 20 anni nati da una precedente relazione, le colleghe-amiche faticano a parlare. Alcune di loro, subito dopo la tragedia, hanno accusato un malore e sono state soccorse sul posto. In quell’azienda, del resto, la 47enne era stata assunta quando era poco più che ventenne. “Eravamo una famiglia, lei per me era come una figlia – racconta Antonio Cavallo, titolare dell’azienda tessile – non riusciamo a trovare le parole giuste, oggi è stata distrutta la vita di tutti noi”.

Sul cruento assassinio, che ha scosso tutta la comunità, indagano i carabinieri. Stando a quanto ricostruito sinora, la scelta della vittima di troncare con Sussa non sarebbe stata digerita da quest’ultimo. Tre giorni fa in un post social l’uomo scriveva: “non ho vinto battaglie né ho perso una guerra, ma ho salvato la mia vita lontano da lei. Grazie Gesù“. Un modo forse per convincersi e convincere di essere pronto a voltare pagina, salvo invece cancellare la vita di Giuseppina prima e la propria subito dopo.

ERICA FIORE

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*