Attualità

Finanziato il servizio civile digitale in Puglia. Delli Noci: “Occasione di crescita”

PUGLIA- Con il decreto del Dipartimento delle Politiche Giovanili e il SCU dello scorso 7 dicembre sono stati finanziati in tutta Italia 45 programmi per l’impiego di 1007 volontari, di cui 16 programmi – sui 20 presentati – saranno realizzati nelle sedi pugliesi coinvolgendo 95 volontari. L’Avviso sul SC digitale invitava gli enti accreditati all’Albo unico del Servizio Civile Universale alla presentazione di progetti per la costruzione o il potenziamento del servizio di “facilitazione digitale” presso l’Ente e/o la realizzazione di un’attività di “educazione digitale”, un’occasione per accelerare l’evoluzione digitale dei nostri servizi e della nostra comunità.

“I numeri indicati – dichiara l’assessore alle Politiche giovanili, Alessandro Delli Noci – evidenziano una risposta significativa in Puglia che ha visto il coinvolgimento anche di altri soggetti sul territorio, come nel caso di tre programmi a titolarità pugliese – di cui due finanziati – finalizzati a migliorare la digitalizzazione in ambito sanitario con l’apporto di rete dell’AReSS, Agenzia strategica regionale per la salute e il Sociale Puglia. Investire sui giovani e il digitale, sull’alfabetizzazione digitale è un obiettivo di questa amministrazione regionale e sapere che, attraverso questa occasione, alcuni giovani potranno vivere un’esperienza di crescita professionale e personale ci rende particolarmente orgogliosi”.

Articoli correlati

Piano Urbano della Mobilità, il Codacons: “Pronti ad offrire il nostro contributo al sindaco”

Sergio Costa

Chiusura punto nascita, monta la protesta

Paolo Franza

In Puglia i mercati finanziari incrementano il divario tra ricchi e poveri

Mario Vecchio

Stabilimenti, per la corte UE le opere inamovibili diventano proprietà dello Stato

Redazione

Festival Valle d’Itria, 50 anni di grande musica. A Martina Franca dal 17 luglio al 6 agosto

Mariella Vitucci

Contact center: “L’intelligenza artificiale è una sfida da raccogliere”

Antonio Greco