Immobile abbandonato e occupato su via S. Pietro in Lama. I cittadini: così da anni, ma nessuno fa nulla

LECCE- Abbiamo documentato con le nostre telecamere lo stato di degrado in cui versa l’immobile che si affaccia su via S.Pietro in Lama, la strada, trafficatissima che costeggia il Comando dei Vigili del Fuoco e che si trova di fronte al convento dei Domenicani, nel quartiere Rudiae Ferrovia. La struttura abbandonata da anni è chiusa da un’inferriata e da alcuni lucchetti, ma accedervi è facile. Il muro perimentrale non è molto alto, le barriere in ferro presentano dei varchi. Le porte e le finestre che dovrebbero rendere inaccessibile l’interno sono spalancate. Nel cortile, oltre ad una vegetazione che ormai ha preso il sopravvento, piena di rifiuti, si vedono carrelli della spesa portati via dai supermercati, boccioni d’acqua, anche uno scooter.

La struttura è un composta da 4 palazzine ed è privata. E’ in stato di abbandono e i residenti registrano un via vai di gente: clochard, migranti irregolari, senza fissa dimora. Le immagini riprese dall’alto, rivelano senza ombra di dubbio, che qui qualcuno ci vive. Sui balconi panni stesi ad asciugare, anche delle piante ornamentali. Il tutto però circondato da sporcizia: balconi pericolanti, finestre senza vetri chiuse con plastica e tende, cumuli di rifiuti.

Alla messa in onda del nostro servizio molti cittadini hanno confermato la situazione: “Io abito lì vicino ed è uno schifo- scrive il signor Enea-Gente che entra e che esce. Si ha paura a passare. Terra di spaccio e di nessuno”. E ancora: “segnalato più volte alle forze dell’ordine” dice Francesca. “ Occorre un’ordinanza sindacale contingibile e urgente imponendo le disposizioni atte a garantire il decoro urbano e la sicurezza, nonché per contrastare il degrado” scrive Gilberto”.

Chi sono i proprietari dell’immobile? Perché è in questo stato? I lavori sono rimasti a metà? La ditta che se ne occupava è fallita? Più volte le forze dell’ordine sono intervenute: nello scantinato sono state trovate nel passato delle biciclette rubate. Ora c’è qualcuno che ci vive abitualmente all’interno? Il Comune di Lecce è a conoscenza della situazione? Nelle situazioni urbane di degrado che favoriscono l’insorgere di fenomeni criminosi, quali lo spaccio di stupefacenti, lo sfruttamento della prostituzione, l’accattonaggio, o il danneggiamento al patrimonio pubblico e privato tanto da determinare lo scadimento della qualità urbana, l’occupazione abusiva di immobili, situazioni che potrebbero determinare gravi condizioni igienico-sanitarie anche nelle aree limitrofe, il Comune può intervenire con un’ordinanza che impone ai proprietari di provvedere al ripristino della situazione con una bonifica, pena sanzioni elevate. Oltre che alla chiusura di tutti gli accessi, al fine di garantire la sicurezza pubblica e l’incolumità degli stessi occupanti. Sino ad ora questo non è avvenuto e il degrado continua.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*