Cassa integrazione, dall’Inps liquidato solo il 10%. Ci vorrà ancora un mese

BARI – La buona notizia è che i soldi ci sono e la Regione ha finito di istruire le pratiche. La cattiva è che per vedersi accreditare la cassa integrazione in deroga, l’Inps ci metterà ancora un mese.

Della platea di 125mila lavoratori che attendono la cassa integrazione in deroga, solo il 10% si è visto accreditare quanto spetta. Tutti gli altri, 11.558 persone, dovranno attendere ancora un mese. E’ quanto ha comunicato il direttore generale dell’Inps, Giulio Blandamura in diretta telefonica durante la VI Commissione consiliare

Il direttore generale, chiamato in diretta dall’assessore regionale al Lavoro, Sebastiano Leo ha riportato il quadro attuale dei pagamenti di tutti gli ammortizzatori sociali: gli aventi diritto sono 220mila lavoratori, tra cassa ordinaria, straordinaria e in deroga. Sono stati pagati solo 59mila di loro. I dati comprendono quelli già citati della sola cassa in deroga.

L’intento, ha detto il direttore, è di arrivare a lavorare 45mila pratiche settimanali. Almeno, è la speranza.

Per soddisfare tutta la platea di aventi diritto alla cassa integrazione, la Regione ha a disposizione 215 milioni di euro. La sola cassa integrazioen in dergoa ne assorbe 154 milioni. Le pratiche, 36788 sono state evase al 90%, ne restano solo 3686 ma sono quelle incomplete o errate. Per quello Leo sottolinea che senza polemica alcuna, ora tocca all’Inps. Ma ha anche comunicato di aver chiesto in Conferenza Stato regioni di sveltire le pratiche bypassando la Regione stessa.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*