Attualità

Gial Plast, la rabbia dei dipendenti bussa alle porte del Comune di Gallipoli

GALLIPOLI – Sono tornati a protestare i lavoratori licenziati dalle ditte Gial Plast e Colombo: questa volta lo hanno fatto alle porte del Comune di Gallipoli, sostenuti dal sindacato Cobas.
Quest’ultimo ha avanzato richiesta di un consiglio comunale monotematico per raccogliere la volontà della intera collettività di Gallipoli che chiede a gran voce di censurare il drammatico comportamento di queste aziende, che hanno proceduto illegittimamente ai licenziamenti.

Il presidente della Commissione Ambiente del Comune, Cosimo Nazaro, ha dichiarato di voler convocare nuovamente la prossima settimana le due aziende Plast per continuare a richiedere il ritorno a lavoro dei dipendenti mandati a casa.

Articoli correlati

Si è spento l’avvocato Roberto Marra. Il cordoglio di Telerama alla famiglia

Redazione

Voragine nel soffitto e crepe sul balcone, Arca Sud non risponde

Mario Vecchio

Puglia prima in Italia per la qualità del suo mare: il 99,7 per cento è eccellente

Barbara Magnani

Villaggio Marugi, condomini senza luce per 8 ore: disagi e diffide

Redazione

Formazione e tirocini internazionali, protocollo tra Its e rete degli ostelli

Barbara Magnani

Ballottaggio: ecco come si vota

Elisabetta Paladini