250 kg di marijuana diretti a Rimini: tre arresti nel Leccese

RIMINI/LECCE –Arriva dal Salento la droga che rifornisce il mercato dello spaccio riminese. Lo ha confermato l’indagine dei carabinieri di Rimini che hanno arrestato tre persone sequestrando 250 kg di marijuana destinata alle piazze dello spaccio della città romagnola. Il rifornimento della droga era infatti avvenuto a Torre Chianca. In manette sono finiti due albanesi e e un brindisino di 36 anni. Tutto è nato il 14 febbraio scorso quando presso il casello autostradale “Rimini Sud”, era stato arrestato un albanese trovato con oltre 65 chili di marijuana nascosti nella sua Renault Scenic. Grazie allo studio dei tabulati telefonici e delle celle i carabinieri del nucleo investigativo hanno ricostruito a ritroso i viaggio compiuto dall’uomo arrivando sino alla marina leccese di Torre Chianca dove l’uomo si è fermato qualche ora per poi tornare alla volta di Rimini. La marina si conferma quindi, ancora una volta, approdo di narcotrafficanti che sbarcano ingenti quantitativi di stupefacente. Per questo, insieme ai carabinieri di Lecce, hanno nelle scorse ore presidiato, nascosti, il centro abitato ed hanno individuato due abitazioni apparentemente disabitate, utilizzate come deposito dello stupefacente.

Non sono sfuggiti i movimenti di alcuni personaggi poi bloccati e perquisiti. In una delle abitazioni sono stati trovati 76 chili di marijuana e il materiale per il confezionamento oltre a numerosi telefoni cellulari. Altri 121 chili sono stai trovati in un’abitazione accanto e in una Mazda . I due albanesi sono stati bloccati nei paraggi. Evidente che fossere lì per acquistare la droga e riparire alla volta di Rimini. Lo stupefacente sequestrato avrebbe fruttato sul “mercato al dettaglio” circa 2 milioni di euro. I tre si trovano in carcere a Lecce

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*