Ambiente

Il mare è arancione. Liquami? No, è un’alga. Ma Arpa farà le analisi

PORTO CESAREO- Le foto del mare di Porto Cesareo diventato arancione hanno fatto il giro dei social network e hanno destato così tanto allarme da far scendere in campo la Regione Puglia, che ha chiesto ad Arpa di “procedere ad un campionamento con successive analisi tese a certificare le prime ipotesi, e comunque a tutela della salute dei cittadini e degli ecosistemi locali”.  Le prime ipotesi, appunto, sono quelle di un fenomeno naturale di fioriture algali, della ‘Noctiluca scintillans’. E’ quanto precisa l’assessore regionale alla Qualità dell’Ambiente Filippo Caracciolo, per sgomberare il campo dall’allarme reflui in mare.
“Come noto a tutti – ricorda Caracciolo – a Porto Cesareo non vi è né un depuratore né uno scarico. L’iter per la definizione degli interventi di rifacimento dell’intero sistema depurativo dell’agglomerato Nardò-Porto Cesareo è stato lungo e finalmente da qualche mese sono stati avviati i lavori da Acquedotto Pugliese per il completamento delle reti fognarie dei due Comuni e l’adeguamento del depuratore, sito a Nardò, che consentiranno  il massimo livello depurativo e il recupero dei reflui. Alla luce di ciò è chiaro che quanto ritratto non può essere un rilascio di reflui non depurati, bensì altra tipologia di fenomeno”.

 

Articoli correlati

Spiaggia devastata dall’alluvione: quasi 250 giorni di attesa per l’inizio dei lavori a Porto Badisco

Redazione

Agricoltura sempre più “anziana” e con meno donne: gli spunti per ripartire

Redazione

Ilva, la Provincia di Taranto si oppone al ricorso di Regione e Comune

Redazione

De Lorenzis (M5s): “In Italia gas in abbondanza, Tap inutile”

Redazione

“Bomba ecologica alle porte di Lecce”: enorme capannone coperto d’amianto

Redazione

Xylella per la prima volta in Belgio: gli ulivi provenivano dalla Spagna

Redazione