Il genero di Totò Riina chiede aiuto con una colletta: “si son presi la mia ditta”

SAN PANCRAZIO SAL.- L’appello suona quasi come una beffa: “purtroppo devo chiedere aiuto a tutti quelli che possono darmi una mano, vi prometto che appena mi rimetto in sesto con il lavoro restituirò tutto a tutti o faremo beneficenza per altri bisognosi, sono in una condizione disastrosa, mi hanno sequestrato tutto e non ho più neanche un lavoro visto che si son presi la mia ditta, chi può mi aiuti, ho tre bambini, cerco lavoro ma nessuno me ne da, per favore datemi una mano Grazie e che Dio vi Benedica!”. A scrivere è Tony Ciavarello, genero del boss Totò Riina, marito della figlia Maria Concetta, la più grande, da anni residenti a San Pancrazio Salentino.

Dalla sua pagina Facebook, su cui si definisce un “martire perseguitato dalla procura di Palermo” e dalla piattaforma online “Collettiamo”, lancia una raccolta fondi per sé. A suo dire, le difficoltà economiche sono sorte dopo il sequestro delle sue aziende aperte nel Salento da cinque anni per la commercializzazione dei ricambi d’auto. Secondo la magistratura palermitana, il capitale iniziale per avviarle sarebbe parte del patrimonio accumulato dal suocero, sanguinario boss di Cosa Nostra, arrestato nel gennaio 1993.

A Lecce, nel luglio scorso, sono finite sotto chiave due aziende, entrambe riconducibili proprio a Ciavarello. A San Pancrazio è stata sequestrata, invece, la società Rigenertek. Secondo gli esiti delle indagini patrimoniali, le tre società sarebbero state costituite – come hanno spiegato i carabinieri – con proventi illeciti. L’esame incrociato della contabilità avrebbe evidenziato una sperequazione di 480mila euro, immessi per lo più in contanti e in numerose tranches nei patrimoni sociali senza alcuna giustificazione legale. In Sicilia, invece, sono stati sequestrati terreni, ville e decine di conti correnti bancari.

Ciavarello ha lanciato anche una pagina dal titolo ironico, “Il boss non Boss ma Boss nel suo mestiere”, per raccontare la sua vicenda imprenditoriale.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*