Inchiesta antiracket, la Procura chiede i domiciliari per Monosi

doc cantina salice

LECCE- Dopo che il Gip ha rigettato l’istanza di revoca della misura interdittiva, presentata dall’avvocato Riccardo Giannuzzi, la Procura ha chiesto al Riesame i domiciliari per l’ex assessore al Bilancio del Comune di Lecce Attilio Monosi, coinvolti nell’inchiesta della Guardia di Finanza sui fondi al centro Antiracket.

Monosi, ricordiamo, è indagato per peculato, falso ideologico e materiale, e truffa aggravata, in relazione al pagamento di un’impresa locale per lavori eseguiti negli uffici leccesi dello Sportello, liquidati prima dal Comune e poi dal Commissario nazionale antiracket. Accuse dalle quali si è difeso davanti al Gip.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*