Abusi allo “Zenzero Beach”? In 4 a processo

MELENDUGNO- Rinvio a giudizio con inizio del processo il 2 dicembre prossimo davanti ai giudici della Seconda Sezione collegiale per i 4 indagati nell’inchiesta che portò, nel maggio 2018, al sequestro dello “Zenzero Beach“, ( ex lido Fontanelle), stabilimento balneare sulla spiaggia di San Foca, marina di Melendugno. La decisione è stata presa dal gup Cinzia Vergine.

Gli imputati sono il titolare del lido e committente dei lavori Andrea Mascali (difeso dall’avvocato Massimo Pagliaro), Salvatore Petrachi, dirigente dell’Ufficio Tecnico e dell’Ufficio Demanio del comune di Melendugno, il geometra Angela De Giovanni, tecnico istruttore del comune di Melendugno (difesi dagli avvocati Alberto Durante e Riccardo Giannuzzi), Daniele Polimeno, all’epoca responsabile dell’ufficio tecnico di Vernole, incaricato del rilascio delle autorizzazioni paesaggistiche ( difeso dagli avvocati Stefano De Francesco e Luca Vergine.

Secondo le indagini coordinate dal pm Maria Vallefuoco gli indagati avrebbero a vario titolo realizzato interventi edilizi in mancanza di permessi a costruire e in difformità dei nullaosta ottenuti su un’area tutelata. Le opere realizzate sarebbero state del tutto nuove per ubicazione, dimensioni, forme e materiali utulizzati, senza rilascio del titolo demaniale e in contrasto con la destinazione d’uso dell’area perimetrata soggetta alla tutela del vigente Pptr che autorizza interventi di facile amovibilità che non compromettano gli elementi naturali e il carattere dei luoghi. I sigilli erano stati posti lo scorso maggio dagli uomini della Polizia Provinciale che aveva eseguito un sequestro preventivo.

M.C.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*