Il “Gesù morto” di Giuseppe Manzo svelato dopo il restauro

SUPERSANO – Le fasi della cerimonia hanno emozionato con tutta la suggestione delle processioni della Passione. Un tesoro prezioso per l’arte e per la religione, rimesso totalmente a nuovo, è stato svelato a Supersano nella domenica delle Palme: è il “Gesù morto” realizzato nel 1914 dal grande scultore e cartapestaio Giuseppe Manzo.

La venerata effigie di proprietà della Confraternita “Maria SS. Immacolata” è stata restituita ai fedeli e a tutti i cittadini, proprio nel giorno del 170esimo anniversario della nascita dell’artista leccese. La statua è stata accolta nella chiesa madre. Dopo la santa messa, le restauratrici Claudia Schmidt ed Erika Nutricati hanno illustrati il lavoro svolto.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*