“Umano non umano”, arte e diritto al servizio dell’integrazione

LIZZANELLO – Da un’intuizione del sindaco di Lizzanello Fulvio Pedone nasce All Right? Arte&Diritti Umani, progetto pubblico diretto dai Dipartimenti di Beni Culturali e Scienze Giuridiche di Unisalento e finanziato dalla Regione Puglia con i fondi europei. Una due giorni, questi venerdì e sabato, dedicata al linguaggio artistico performativo, al diritto e alla musica, un’occasione di confronto partecipato, un incontro per raccogliere testimonianze, suggestioni, criticità, e rilanciare la sfida di un dialogo possibile tra diritto, arte e cultura in tema di diritti umani e integrazione.

Venerdì, presso il Laboratorio Urbano Ex Mercato Coperto di Lizzanello, la performance art di Mona Lisa Tina, Di ogni buio, di ogni luce, a cura di Massimo Guastella, docente di Storia dell’Arte contemporanea dell’ Università del Salento e Direttore artistico del Progetto. L’azione, in linea con la ricerca di esperienze artistiche del nuovo millennio orientate a funzioni sociali e pedagogiche, è un progetto interdisciplinare, in fase di sviluppo, che accoglie riflessioni sui temi universali dell’identità, dell’incontro profondo con l’altro e della fiducia positiva nel cambiamento: un cambiamento che è possibile solo attraverso il dialogo e il confronto autentico tra le persone, al di là di qualunque tipo di differenza legata alla cultura di appartenenza, all’etnia, all’orientamento sessuale, all’età e al credo religioso.

Questo sabato, a partire dalle ore 9.00, spazio ai lavori di Umano Non Umano. Arte e Diritto a Servizio dell’Integrazione. Il Convegno, terzo in ordine di realizzazione sotto la Direzione di Manolita Francesca, Direttore del Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università del Salento e Direttore giuridico del Progetto. Tre sessioni con la partecipazione di studiosi, giuristi e artisti di fama internazionale, chiamati a discutere, in un contesto multidisciplinare, i nuovi termini del dialogo tra diritto e arte contemporanea. A conclusione dei lavori, le testimonianze dei rifugiati accolti nel progetto SPRAR e transitati in Libia.

Spazio, infine, infine alla musica, a partire dalle 18.30 con il Jazz Concert del Rino Arbore The Roots of Unity, a cura di Eliana Augusti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*