Il Pallio a Mons. Michele Seccia: “E’ come un giogo a due posti. Uno lo occupo io, l’altro tutti voi”

LECCE- Festa in Chiesa per l’arcivescovo Michele Seccia per l’imposizione del Pallio da parte del Nunzio apostolico inviato a Lecce da Papa Francesco. Si tratta di un evento importante, avvenuto proprio in occasione della Festa della Natività della Beata Vergine Maria e in coincidenza con il XXI Anniversario dell’ordinazione episcopale del vescovo di Lecce. Inutile commentare la grande Emozione vissuta durante la cerimonia, che ha visto la partecipazione di tanti sacerdoti e fedeli, del card. Salvatore De Giorgi e degli altri quattro vescovi del Salento: Negro, Caliandro, Filograna e Angiuli.

Il Pallio, ricordiamo, ha soprattutto un significato cristologico: è fatto di lana, che simboleggia la pecora smarrita, porta gli spilloni e delle croci , che a loro volta simboleggiano il Buon Pastore che dà la vita per le sue pecore. “Il pallio che ho ricevuto – ha spiegato il vescovo  – è come il giogo dei buoi. E come tutti i gioghi è a due posti. Un posto lo occupo io, l’altro è di Cristo: cioè di tutti voi, di ciascuno di voi. Ciò vuol dire che accanto al vescovo c’è sempre un posto libero. E il pallio – ha continuato – prima che un segno di autorità gerarchica è un segno del servizio perché il giogo ci aiuta ad ascoltare meglio la voce e la vita di chi ci è accanto. Può uno dei due buoi sotto il giogo fermarsi a bere e l’altro tenere il muso in alto? No! Il giogo li tiene uniti, li fa camminare insieme, fa condividere loro la stessa via”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*