Lecce e il mare, diciamoci che fare

LECCE- “LECCE DICIAMOCI CHE FARE!” È il titolo dell’incontro organizzato a Lecce da Federbalneari Salento. Un momento per raccogliere le idee e lanciarne di nuove e per dirsi, tra addetti ai lavori e amministrazione, che qualcosa si può e si deve fare per la marina di San Cataldo.
Progetti e idee da realizzare “per trasformare la Cenerentola delle marine leccesi in Principessa”. Ai lavori, organizzati nell’Open Space del Comune di Lecce, ha preso parte anche il sindaco Paolo Perrone, convinto che lo sforzo congiunto tra pubblico e privato possa portare a risultati eccellenti.

“Un esempio virtuoso in tal senso è sotto gli occhi di tutti” ha detto facendo riferimento al centro storico il cui profilo, rispetto a 25 anni fa, è decisamente cambiato. “Dopo lunghi anni di abbandono è diventato il salotto della città. Lo stesso può avvenire per San Cataldo”.

Una sfida immediatamente raccolta da Mauro Della Valle, presidente di Federbalneari Salento. “Continueremo a suggerire ogni impulso che intercetteremo dagli imprenditori turistici e da ogni portatore di interesse”. E presto sarà istituito un comitato denominato proprio “DICIAMOCI CHE FARE” che sia punto di riferimento anche per l’amministrazione, per un preventivo calendario di eventi estivi e non solo. “E proporremo -dice- il taglio del nastro della fine lavori del Porto Antico di Lecce Adriano, certi che sia un’importante opera  storica per attrarre turisti anche nel mare d’inverno”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*