Capitale della Cultura, Consales risponde a Sì Democrazia: “Politica miope”

“Fino a quando la miopia caratterizzerà l’azione delle forze politiche cittadine sarà difficile migliorare la nostra tanto amata Brindisi”. Lo afferma il sindaco di Brindisi Consales in risposta alle critiche mosse da Sì Democrazia.

Mimmo Consales

BRINDISI- “Fino a quando la miopia caratterizzerà l’azione delle forze politiche cittadine sarà difficile migliorare la nostra tanto amata Brindisi”. Lo afferma il Sindaco Mimmo Consales a seguito del comunicato stampa diffuso dal movimento ‘Si Democrazia’ in riferimento alla Capitale Europea della Cultura.

La promozione della candidatura di Lecce e dell’intero Salento – afferma Consales – alla seconda fase della selezione per individuare chi dovrà rappresentare l’Italia per la Capitale Europea della cultura del 2019 costituisce un risultato eccezionale anche per la nostra città.

Certo, mi rendo conto che il commento negativo del movimento ‘Si Democrazia’ si è basato esclusivamente sui titoli dei e non su un attento esame del progetto ‘Reinventare Eutopia’ con cui Lecce e Brindisi si sono presentati al vaglio della Commissione.

Ma oggi questa candidatura – conclude Consales – non è già più limitata al Salento ma è diventata patrimonio di tutta la Puglia. Ecco perché parlare di ‘rinuncia’ è totalmente ingiustificabile e va nel solco di una Brindisi che per decenni non ha saputo utilizzare (per inutili e dannose guerre di campanile) al meglio le opportunità offerte dal brand ‘Salento’, un territorio di cui storicamente facciamo parte integrante”.