Operazione “Mare Sicuro 2013”, fioccano le sanzioni per un totale di 5mila euro

otranto

OTRANTO- Proseguono senza soluzione di continuità i controlli della Guardia Costiera di Otranto nell’ambito dell’operazione “Mare Sicuro 2013”.

Negli ultimi giorni uomini e mezzi hanno intensificato l’attività su tutto il territorio per verificare la corretta applicazione delle norme di sicurezza balneare e della navigazione e la regolare fruizione del demanio marittimo.

Durante i controlli su tutto il litorale, che va da Casalabate a Castro, le pattuglie militari di terra hanno elevato varie sanzioni per violazione dell’ordinanza di sicurezza balneare, con particolare riferimento al corretto uso della fascia di 5 metri dalla battigia ed all’esposizione delle cartellonistiche di sicurezza previste (fondamentali affinché l’utenza conosca e comprenda eventuali pericoli e le segnalazioni presenti in spiaggia e a mare). I contravventori alle norme sono stati sanzionati per un totale di circa di 5000 euro.

Inoltre particolare attenzione è stata posta sul rispetto dei limiti di velocità, sul rispetto delle aree riservate alla balneazione e sull’aderenza alle norme sull’uso delle unità a scopo commerciale: una motovedetta ha difatti “pizzicato” e multato un diportista, nella zona di Castro, che aveva ancorato all’interno delle boe che segnalano l’area notoriamente riservata ai bagnanti, cagionando un potenziale pericolo per gli stessi. Nel porto di Otranto, invece, ne è stato sanzionato un altro, per un ammontare di circa 3000 euro, in quanto utilizzava una unità da diporto a scopo commerciale senza le previste autorizzazioni di legge.