7 giudizi pendenti ogni 100 abitanti: la svolta necessaria della mediazione

Confindustria Lecce

LECCE  –  Confindustria Lecce, in collaborazione con l’Ordine degli Avvocati, l’Ordine dei Commercialisti ed Esperti Contabili e della Camera di Commercio di Lecce, ha organizzato, ieri, presso l’Hotel President a Lecce, il convegno ‘La mediazione, una risoluzione alternativa delle controversie civili e commerciali: quali vantaggi per le imprese?’.

 Il convegno è stato anche l’occasione per riflettere sull’attuale condizione della giustizia italiana, i cui tempi molto spesso non sono compatibili con quelli dell’impresa e dell’economia.

Tante professionalità eccezionali di cui dispone il sistema giudiziario, non sono messe nelle condizioni di poter operare celermente assicurando al Paese quella efficienza e quella efficacia che, oggi,  appaiono indispensabili per la ripresa della competitività.

Come ribadito nel corso dell’Assemblea nazionale dal Presidente Squinzi, infatti, 5 milioni di cause civili in giacenza, più di 1.000 giorni per far valere un contratto davanti a un giudice, una media di 7 giudizi pendenti ogni 100 abitanti, nonchè un rating negativo sulla qualità della giustizia, sono macigni che pesano sulla via della ripresa.