Stock di 80 fusti tossici nel magazzino, sequestro della Finanza

Guardia di Finanza

TARANTO  –  80 tonnellate di acido decapaggio ed acido solforico sono state sequestrate dalla Finanza. E denunciato il responsabile. La scoperta durante un controllo di ARPA e  Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Taranto in un’azienda di Taranto che lavora nel settore dei lavaggi chimici e decapaggi, dei lavaggi idrodinamici, dello smaltimento e recupero di rifiuti e dei trattamenti chimico-fisici di fanghi e fondami reflui.

I militari hanno sequestrato prima numerosi ‘bulks’ contenenti circa 10 tonnellate di rifiuti speciali pericolosi di tipo liquido. Mancava, nell’azienda, ogni sicurezza. Secondo le norme stabilite per quei tipi di acidi, lasciati all’aperto e senza alcuna copertura.

Il personale dell’ARPA ha prelevato dei campioni di tutte le sostanze per analizzarle. Le altre 70 tonnellate di rifiuti speciali pericolosi erano in tre cassoni sequestrati, perche privi di qualsiasi classificazione CER.

Ispezionati anche due  tubi interrati grazie a specifiche attrezzature. All’interno dei tubi è stata rilevata la presenza di acqua mista ad idrocarburi. Sequestrato il tutto, lo ripetiamo ben 80 tonnellate di rifiuti pericolosi, la Finanza ha denunciato a piede libero  l’Amministratore unico dell’azienda tarantina per inadempienze e violazioni al Testo Unico delle Leggi Ambientali.

Un’ operazione che non si chiude qui. Gli uomini del Reparto Navale, infatti, effettueranno ulteriori indagini per accertare fatti e responsabilità, con particolare attenzione ai profili economico-finanziari della vicenda, al fine di obbligare i responsabili anche al pagamento dell’ecotassa.