Calci e pugni all’ex e all’amica, arrestato 28enne a Taranto

TARANTO –  Ha aggredito l’ex fidanzata facendola finire in ospedale. E stessa sorte, non contento, per l’amica della povera ragazza. Un 28enne di Statte è stato arrestato nella notte dai Carabinieri. Per lui una sfilza di accuse: stalking, lesioni personali, ingiurie, minacce e violenza privata commessi contro le due donneL’ex, 25enne e l’amica di 23 anni.

Dopo una storia lunga 6 anni, la 25enne, proprio per il carattere irascibile e violento del partner, a dicembre ha deciso di chiudere con quella storia una volta per tutte.

Una decisione che le ha finito di togliere la serenità e che ha aperto le porte ad un vero e proprio calvario. Da qui i pedinamenti, gli sms minatori, fino anche alla violenza fisica.

Il tutto senza mai una denuncia da parte della ragazza che ha spiegato ai Carabinieri: “Gli ho voluto bene e soprattutto l’ho fatto per rispetto alla sua famiglia. Speravo la smettesse prima o poi”.  Ma il 28enne in realtà non si è mai rassegnato. Anzi, il peggio, ancora doveva arrivare.

Nella notte, infatti, si è fatto trovare davanti casa della giovane. Lei era nella sua auto con l’amica. Quando le ha viste arrivare, in preda all’ira, si è scaraventato contro l’auto iniziando a prendere a calci e pugni il mezzo, terrorizzando le due amiche che però hanno rimesso in moto tentando di fuggire.

Il 28enne, sempre stando al racconto dei Carabinieri, a quel punto le ha inseguite per bloccarle definitivamente. Ha tagliato loro la strada con l’auto tant’è che i due mezzi si sono pure tamponati. Il 28enne ormai non ragionava più.

È sceso dall’auto e ha tirato fuori dall’abitacolo con la violenza l’ex e ha iniziato a colpirla  inferocito con calci e pugni, urlando contro le peggiori minacce. L’ha colpita al volto, al collo, alla testa. Poi è toccato anche all’amica, scesa dall’auto per aiutare la vittima e cercare di liberarla dalle  grinfie dell’uomo, arrivato anche alla minacce di morte, se le due avessero sporto denuncia.

Le due, invece, hanno deciso di chiedere aiuto ai Carabinieri. Il 28enne è stato così rintracciato a casa sua.

Le due ragazze, portate al Pronto Soccorso, hanno rimediato 20 giorni di prognosi l’ex fidanzata e 8 l’amica. Lo stalker, invece, è stato posto ai domiciliari.