Trasporti e disagi, parola agli studenti

'Facciamoci trasportare dall’efficienza',

LECCE  –  Provincia di Lecce e studenti insieme per affrontare e cercare di risolvere i problemi del trasporto pubblico provinciale. Nasce da questa sinergia il progetto ‘Facciamoci trasportare dall’efficienza’, ideato e sviluppato dall’Associazione giovanile culturale ‘Carpe Diem’, in stretta collaborazione con gli amministratori e i dirigenti provinciali, presentato nell’Aula consiliare di Palazzo dei Celestini.

A spiegare il senso dell’iniziativa e ad illustrarne i particolari sono intervenuti il Presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, l’Assessore provinciale ai Trasporti e alla Mobilità Bruno Ciccarese, il Consigliere delegato alla Pubblica istruzione e Politiche educative Antonio Del Vino, il Presidente di ‘Carpe Diem’, Giorgio Pala. Presenti anche i 10 rappresentanti dell’Associazione eletti nelle scuole leccesi – Liceo Classico ‘Palmieri’, Liceo Scientifico ‘De Giorgi’, Liceo Scientifico ‘Banzi’, Liceo Classico ‘Virgilio’, Istituto ‘Marcelline’ – i dirigenti di ‘Carpe Diem’ e i 5 membri del Comitato giovanile sui trasporti.

Cuore del progetto ‘Facciamoci trasportare dall’efficienza’, sviluppato dopo mesi di studio e analisi, è la realizzazione di un maxi sondaggio per individuare in modo diretto e puntale tutte le criticità e le difficoltà che gli studenti incontrano ogni giorno quando utilizzano i mezzi pubblici per andare a scuola. In questa prima fase il progetto-pilota interesserà solo la città di Lecce, ma se avrà un riscontro positivo potrà essere successivamente esteso a tutto il territorio provinciale e regionale.

Entro il 26 gennaio prossimo i rappresentanti dell’Associazione ‘Carpe Diem’ e del neonato Comitato studentesco per i trasporti, organo di supporto degli studenti nelle scuole, distribuiranno e raccoglieranno 20.400 moduli in tutti gli Istituti superiori del capoluogo salentino.

I dati raccolti con i questionari saranno elaborati e forniti all’Amministrazione provinciale per gli interventi di sua competenza.

Gli studenti pendolari potranno così segnalare eventuali disservizi registrati sulle linee di trasporto provinciale come ritardi, sovraffollamento, scarsa igiene, ma evidenziare anche ciò che funziona.