Gli operai del Mof da 10 giorni davanti all’Ilva

ilva

TARANTODa 10 giorni davanti ai cancelli dell’Ilva. Dal giorno della morte di Claudio Marsella, l’operaio di 29 anni che ha perso la vita in un incidente al reparto Movimentazione Ferroviaria.

I suoi colleghi da allora si sono piazzati con una tenda  davanti alla fabbrica.

Uno sciopero ad oltranza per dire NO alle condizioni in cui sn costretti a lavorare. Dicono NO principalmente all’accordo del novembre del 2010, siglato da azienda e sindacati metalmeccanici, che prevedeva la riduzione del personale.

La loro è una protesta civile e anche all’insegna della solidarietà per le famiglie degli operai, amici prima che colleghi, ammalati di cancro.

Questa mattina è arrivato a sostenerli anche il Vescovo di Taranto Mons. Filippo Santoro. Una visita c’è stata anche da parte del Sindaco – ci raccontano i lavoratori del Mof – e avrebbe garantito il suo impegno per l’aumento del personale nel reparto.

Nessun accordo, intanto, con i sindacati. Nelle scorse ore, un’assemblea indetta dalla Cils Fim è andata deserta, anzi, gli operai in sciopero premono per l’Rsu, per cui stanno raccogliendo le firme e se ne contano già diverse  migliaia.