‘Salento fai da te’: import a picco, export avanti piano

azienda

LECCE – Si contraggono i consumi e il Salento diventa ‘fai da te’. Crollano, infatti, le importazioni in provincia, tanto che si fermano a 133 milioni di euro, a dimostrazione che la domanda interna continua a calare. 

È questa l’altra faccia della medaglia che vede, invece, una ripresa minima, ma significativa delle esportazioni, dell’1,35%, con una differenza tra import ed export  di 96 milioni.

I dati, elaborati dall’Osservatorio economico di Confartigianato Imprese Lecce sugli ultimi dati Istat, dicono che il «made in Salento» fa breccia nei mercati esteri. Prodotti di alta qualità e raffinato design, marchi forti e conosciuti, fanno riprendere quota all’export della provincia di Lecce. Sempre più beni e prodotti manifatturieri, infatti, ‘volano’ oltre i confini nazionali, mentre qui rimane il disagio di una moneta che non circola e di portafogli decisamente sgonfiati, tanto che rispetto al 30 giugno dello scorso anno, sono stati spesi quasi 60 milioni di euro in meno.

Rispetto a quella stessa data, invece, sono stati venduti oltre 3 milioni di euro di beni in più destinati ai mercati esteri, soprattutto macchinari e  apparecchiature; prodotti tessili, pelli ed accessori; prodotti alimentari, bevande e tabacco; prodotti in metallo e della metallurgia; articoli in gomma e materie plastiche.

Tuttavia,  si è  ancora lontani dai valori pre-crisi, quando si superavano i 300 milioni di euro, 70 in più rispetto ai 230 milioni di oggi.